Me
Chi è Antonia Klugmann, la prima giudice donna di Masterchef Italia
Condividi su:

Chi è Antonia Klugmann, la prima giudice donna di Masterchef Italia

Antonia Klugmann ha 37 anni, è nata a Trieste ma è friulana d'adozione. Sostituirà Carlo Cracco nel team dei giudici della sesta edizione del programma

19 Apr. 2017

Per la prima volta una donna approda nel celebre programma televisivo Masterchef Italia vestendo i panni del giudice, finora riservati a cuochi stellati come Carlo Cracco, Bruno Barbieri e Antonino Cannavacciuolo. La chef triestina Antonia Klugmann, 37 anni, ha una carriera di successo alle spalle e nel 2015 ha conquistato la sua prima stella Michelin con il ristorante L’argine, che si trova a Vencò, in provincia di Gorizia.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Al suo fianco nel talent show culinario di Sky sono stati confermati i giudici Bruno Barbieri, Antonino Cannavacciuolo e Joe Bastianich, mentre Klugmann prenderà il posto di Carlo Cracco. Antonia Klugmann era già stata ospite del programma nel corso della quinta edizione.

Per la chef stellata ha frequentato la facoltà di Giurisprudenza a Milano, ma ha sempre amato la cucina e per diventare chef ha lavorato in diversi ristoranti.

Il suo primo ristorante l’ha aperto a soli 26 anni a Pavia di Udine, in Friuli. È stata anche la chef del ristorante stellato Venissa a Mazzorbo, un’isola della laguna veneta. Infine nel 2014 ha avviato il ristorante L’argine, in provincia di Gorizia, con il quale ha conquistato la sua prima stella Michelin. Nel 2017 Klugmann è stata eletta Cuoca dell’Anno dalla guida dei Ristoranti d’Italia dell’Espresso. 

La cucina di Antonia è caratterizzata dal fortissimo legame con il territorio regionale e di confine e l’attenzione per le materie prime, ed è nutrita anche molto dei suoi ricordi e della sua storia personale. Antonia cura personalmente un orto e un frutteto i cui prodotti spesso finiscono nei suoi piatti. Ingredienti che, grazie all’interpretazione della chef e alla sua ricerca di accostamenti e innovazioni, diventano piatti inimitabili.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus