Me

Trump criticato dal suo candidato alla Corte suprema

Il neo inquilino della Casa Bianca accusa i giudici di essere troppo politicizzati. Neil Gorsuch: “Dal presidente parole avvilenti e demoralizzanti”

Immagine di copertina

Il candidato alla Corte suprema Neil Gorsuch, nominato dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump, ha criticato duramente gli attacchi del neo inquilino della Casa Bianca contro il sistema giudiziario mercoledì 8 febbraio 2017. Trump aveva tacciato i giudici di essere “troppo politicizzati” per via dell’intervento nella questione dell’ordine esecutivo sull’immigrazione firmato il 27 gennaio. Il provvedimento, ribattezzato Muslim Ban, è stato sospeso da un giudice di Seattle ed è battaglia tra il dipartimento di Giustizia e gli stati federali che si oppongono alla misura.

Gorsuch è intervenuto nel dibattito definendo le parole del presidente “avvilenti e demoralizzanti”, uno strappo inaspettato che potrebbe anche essere diretto a convincere i democratici a sostenere la sua candidatura. Il giudice del Colorado, noto per aver sposato posizioni estremamente conservatrici, aveva suscitato “dubbi molto seri” tra i senatori democratici che dovranno decidere, insieme ai colleghi repubblicani, sulla sua nomina.

— LEGGI ANCHE: Battaglia legale sul Muslim Ban di Trump

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**