Me

Arriva in Italia il primo autotest per l’HIV

Il kit sarà acquistabile in tutte le farmacie, senza prescrizione medica. Potrà essere eseguito a casa in totale privacy

Immagine di copertina

La sindrome da immunodeficienza acquisita, nota come AIDS (Acquired Immune Deficiency Syndrome), rappresenta lo stadio clinico terminale dell’infezione da parte del virus HIV (Human Immunodeficiency Virus).

In concomitanza con la Giornata mondiale contro l’AIDS, l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha deciso di raccomandare l’autotest per l’HIV. Con questa strategia si intende raggiungere l’obiettivo di consapevolizzare entro il 2020 il 90% della popolazione mondiale con HIV.

Da oggi, per la prima volta in Italia, sarà possibile eseguire un autotest per autodiagnosticare in tempo reale il virus HIV. Ciò permetterà di intercettare le persone che oggi non vogliono rivolgersi alle strutture sanitarie preposte. 

Il kit, già introdotto in Francia, sarà acquistabile dai maggiorenni in tutte le farmacie, a 20 euro e senza prescrizione medica. Si può effettuare in cinque minuti, facilmente a casa propria. Basta un prelievo di sangue dal polpastrello e un’attesa di un quarto d’ora per leggere il risultato.

Il consiglio dei medici è effettuare il test nell’intervallo finestra, ossia quel periodo di 90 giorni che separa il presunto contagio con la produzione degli anticorpi che segnalano la presenza del virus. L’autotest può assicurare anche un’attendibilità pari al 100 per cento, ma gli esperti raccomandano di ripetere il controllo nelle strutture adatte. 

Secondo un’indagine NPS Italia/SWG, solo il 43 per cento delle cittadini italiani conosce i programmi di prevenzione dell’Istituto Superiore di Sanità. Una volta avvenuto il contagio la malattia può restare asintomatica per anni. Risulta perciò fondamentale effettuare il test dell’HIV in modo tempestivo, al fine di sottoporsi alle terapie farmacologiche nel più breve tempo possibile.