Me

Cosa succede oggi nel mondo

Tutti i fatti da sapere per il 21 novembre 2016

Immagine di copertina

Francia: l’ex presidente francese Nicolas Sarkozy è stato escluso dalle primarie del centro sinistra in Francia. Andranno al ballottaggio l’ex premier François Fillon, che ha ottenuto il 44,1 per cento dei voti e l’ex ministro dell’economia Alain Juppé, con il 28,6. 

– Germania: Angela Merkel ha annunciato che correrà per un quarto mandato come cancelliere tedesco nelle elezioni del prossimo anno.

– India: è salito a 133 morti il bilancio dell’incidente ferroviario nello stato dell’Uttar Pradesh. Almeno 200 i feriti. Proseguono le operazioni di salvataggio.

– Siria: almeno 8 bambini sono morti in un bombardamento dei ribelli contro una scuola, nell’area di Aleppo controllata dalle forze governative. Un barile bomba ha ucciso una famiglia di sei persone nell’area controllata dai ribelli.  

– Corea del sud: il Partito popolare, uno dei principali partiti d’opposizione, inizierà la raccolta di firme per una mozione di impeachment contro la presidente Park Geun-hye, coinvolta in uno scandalo di corruzione. 

– Stati Uniti: continua la caccia all’uomo in Texas per rintracciare un uomo armato che ha sparato e ucciso un detective della polizia di San Antonio che si trovava su un’auto della polizia a un posto di blocco.

– Regno Unito: la prima ministra Theresa May annuncerà oggi un nuovo piano economico industriale. È stato già annunciato che uno dei primi provvedimenti sarà quello di tagliare l’imposta sul reddito delle società, la corporation tax. 

– Mali: alcuni abitanti del Mali hanno bruciato le urne durante le elezioni locali e hanno rapito uno dei candidati.

– Haiti: si sono tenute ad Haiti le elezioni presidenziali a lungo rimandate. Gli elettori sperano che un nuovo presidente possa risollevare l’economia dopo il distruttivo uragano e un anno di forte instabilità politica.

– Cina: il presidente cinese Xi Jinping ha invitato il capo dell’esecutivo di Hong Kong, Leung Chun-ying, a sostenere l’unità nazionale e mantenere la stabilità sociale e politica, dopo la questione dei parlamentari sospesi per non aver giurato fedeltà a Pechino. 

– Turchia: si conclude oggi a Istanbul l’assemblea parlamentare della Nato, alla presenza del segretario generale Jens Stoltenberg e del presidente turco Recep Tayyip Erdogan

– Iraq: milioni di musulmani sciiti si recano oggi in pellegrinaggio nella città santa di Kerbala per la festività dell’Arbaeen, in cui si celebra la fine dei 40 giorni di lutto dell’Ashura (la commemorazione del martirio dell’Imām al-Husayn ibn Ali e di 72 suoi seguaci).