Me

La triste fuga degli universitari di Camerino dopo il terremoto

Il giorno dopo il terremoto del 26 ottobre, siamo stati a Camerino per parlare con gli studenti dell'università, divisi tra paura e voglia di tornare alla normalità

Immagine di copertina

File di giovani davanti alla zona rossa che aspettano di tornare nel campus universitario per ritirare i propri effetti personali, accompagnati dai vigili del fuoco. È questa l’immagine simbolo del terremoto che ha colpito la città universitaria di Camerino, nel cuore delle Marche. 

L’ateneo camerte è uno dei più antichi e prestigiosi d’Italia e tutto il centro storico, compreso il Palazzo Ducale, ospita le sedi delle varie facoltà e gli alloggi degli studenti.

Dentro la zona rossa, di primo mattino, TPI ha incontrato il rettore Flavio Corradini. Come un padre preoccupato per i propri figli, insieme ai soccorritori ha passato la notte ad aiutare i giovani a uscire dalle proprie abitazioni e a mettersi in salvo, sincerandosi che nessuno rimanesse in centro.

Il cuore della cittadella, infatti, è stato gravemente danneggiato dal sisma del 26 ottobre, con la maggior parte delle abitazioni lesionate e fatte sgombrare e tutto il perimetro chiuso, in attesa delle necessarie verifiche e dei sopralluoghi.

Non si vedono, per fortuna, le stesse immagini di Arquata del Tronto; qui l’unico crollo è quello del campanile della chiesa di Santa Maria in Via che, cadendo, ha distrutto un’abitazione vicina. Ci sono crepe, cornicioni caduti, calcinacci ovunque. 

La terra trema e rende incerto il presente e il futuro degli abitanti del posto. La popolazione locale e gli studenti ora dormono nei palazzetti dello sport, ma mentre i primi vogliono restare ancorati alla propria terra, i secondi hanno paura e sono incerti sul da farsi.

In via Le Mosse, di fronte alla sede della Contram, l’azienda di traporti camerte, è stato allestito un presidio con Protezione civile e Vigili del fuoco, dove i cittadini chiedono le perizie per le proprie abitazioni.

(Qui sotto la sede della Contram, l’azienda di trasporti di Camerino, dove la Protezione civile e i Vigili del fuoco hanno allestito un presidio. Credit: Asmae Dachan. L’articolo prosegue sotto l’immagine)

Nel cortile dell’area destinata al parcheggio degli autobus, decine di persone aspettano per capire cosa fare. Ci sono anziani con le lacrime agli occhi, gente che si abbraccia, volontari pronti a confortarli. Molti ragazzi guardano l’orario dei pullman per allontanarsi. La paura è stata tanta e si vede nei volti di tutti. 

Tra gli universitari molti sono stranieri, giunti all’Unicam per progetti Erasmus, per conseguire lauree, specializzazioni e dottorati. L’ateneo camerte stava registrando una crescita record con un aumento del 15 per cento di immatricolazioni l’anno. Argentina, Spagna, Francia, Romania, Marocco, Bangladesh, Libano, Ghana sono alcuni dei paesi di provenienza dei ragazzi.

“Eravamo in casa e stavamo studiando quando c’è stata la prima scossa”, racconta Andrea, uno studente romano. “All’inizio non ci siamo resi conto di quello che stava accadendo, sembrava interminabile. Siamo scesi in strada, ci siamo abbracciati gli uni con gli altri e dopo un po’ siamo rientrati in casa”.

“La seconda scossa”, dice con un filo di voce Alessandra, studentessa di farmacia. “È stata terribile. È andata via la luce e abbiamo perso l’equilibrio. C’era un frastuono interminabile e c’erano le nostre urla. Abbiamo avuto paura di morire nelle nostre stanze. Era tutto buio e siamo scesi in strada senza vedere nulla. I soccorritori sono stati meravigliosi, sono arrivati subito e ci hanno aiutato”.

Entrambi ora non sanno cosa fare. Da un lato vorrebbero andare via, lontano e dimenticarsi di quest’incubo, dall’altro vorrebbero restare e proseguire i propri studi, appena riprenderanno le lezioni. 

(Alcuni studenti dell’Unicam lasciano Camerino dopo aver recuperato dalla zona rossa i loro effetti personali. Credit: Asmae Dachan. L’articolo prosegue sotto l’immagine)

Tra le tante storie di giovani c’è quella di Lorenzo, che la mattina del 26 ottobre ha conseguito la laurea in Informatica e la sera si è trovato coinvolto con i suoi compagni dalla violenza del sisma.

“La giornata è iniziata bene, poi c’è stato un susseguirsi di tensioni. È inutile pensare di festeggiare ora. Dovevo iniziare il dottorato”, dice sospirando. “Ma ora… Ho voglia di tornare, ma cerco una situazione più sicura rispetto a quella del centro storico”. 

“In vita mia non avevo mai vissuto un terremoto”, afferma Jobar, originario del Bangladesh. “E spero di non riviverla mai più. Voglio ringraziare tutti i volontari che ci hanno aiutato e che ci hanno assicurato un riparo per la notte”.

Campagna regione lazio

“Noi eravamo nella nostra casa al secondo piano, erano circa le 19:10 quando c’è stata la prima grande scossa”, racconta una studentessa argentina. “È stato terribile, stavamo studiando e abbiamo lasciato tutto. Quando c’è stata la seconda scossa abbiamo pensato di morire, ci siamo stretti in un abbraccio e siamo andati sotto il cornicione di una porta e sotto il tavolo. Eravamo in sei. All’inizio non volevamo uscire, eravamo frastornati, poi ci hanno chiamato invitandoci a lasciare immediatamente l’alloggio. Ora aspettiamo di rientrare per raccogliere i nostri effetti personali. Stanotte abbiamo dormito allo stadio e c’è stata un’altra scossa. Ora vogliamo andare via, abbiamo troppa paura”.

“Noi eravamo al Collegio San Giovanni”, dichiarano altri giovani che provengono da Fermo e da Roma. “Siamo usciti tutti nel giardino interno, ma poi siamo rientrati. La seconda scossa ci ha colto tutti nella sala comune e così siamo di nuovo usciti. Abbiamo dormito al Cus in una situazione poco confortevole. Hanno favorito soprattutto gli anziani e i bambini e poi noi giovani, come è giusto che sia. Per ora vogliamo tornare dalle nostre famiglie e riposare, poi vorremmo riprendere la vita universitaria con calma”.

Un ritorno auspicato fortemente dall’amministrazione locale e in particolare dal rettore Corradini che rassicura: “Fortunatamente, fuori dal centro storico, tutte le strutture universitarie che abbiamo visitato sono in buone condizioni e da questo punto di vista siamo felici. Il Palazzo Ducale è la sede del rettorato e della facoltà di Giurisprudenza e cercheremo di trasferire tutto al campus universitario che non è stato danneggiato. Abbiamo individuato una sede alternativa anche per la segreteria studenti. Le aule didattiche e i laboratori scientifici sono a posto e noi contiamo di riprendere tutte le attività appena possibile”.