Me

La polizia turca ha ucciso un presunto militante Isis sospettato di aver pianificato un attentato

Avendo ricevuto numerosi allarmi dall'intelligence di possibili attentati nella capitale, il governatore di Ankara ha vietato incontri pubblici fino alla fine di novembre

Immagine di copertina

La polizia turca ha ucciso un presunto militante dello Stato islamico, sospettato di voler pianificare un attentato suicida nella capitale Ankara. Lo ha riferito l’agenzia di stampa Anadolu. 

L’uomo è stato ucciso da una squadra dell’antiterrorismo in seguito a uno scontro a fuoco nel suo appartamento in un palazzo nella periferia di Ankara.

La polizia ha trovato materiale esplosivo nella sua casa. Secondo quanto ha riferito il governatore Ercan Topaca, l’uomo era sospettato di voler farsi esplodere in una cerimonia pubblica nella capitale turca. Il sospetto miliziano aveva 24 anni e proveniva dalla città turca di Diyarbakir. 

Avendo ricevuto numerosi allarmi dall’intelligence di possibili attentati nella capitale, il governatore di Ankara ha vietato incontri pubblici e manifestazioni fino alla fine di novembre.