Me
Cosa è successo il 23 giugno nel mondo
Condividi su:

Cosa è successo il 23 giugno nel mondo

Un riassunto semplice e chiaro di quello che è successo oggi nel mondo

23 Giu. 2016

Regno Unito: il 23 giugno dalle 7 alle 22, 40 milioni di elettori maggiorenni britannici e dei paesi dei territori d’Oltremare sono stati chiamati a esprimere il loro voto al referendum sulla Brexit. Era necessario registrarsi al voto. I risultati dovrebbero essere resi noti già tra le 2 e le 4 del mattino. Il referendum in questione è di tipo consultivo e non serve un quorum per renderlo valido. Si voterà in 382 circoscrizioni, 326 in Inghilterra, 32 in Scozia, 22 in Galles, una in Irlanda del Nord e una a Gibilterra. Il risultato definitivo del voto sarà annunciato dalla presidente della commissione elettorale, Jenny Watson, alla Manchester Town Hall. 

– Germania: un uomo con il volto coperto ha aperto il fuoco in un multisala nella piccola cittadina occidentale tedesca di Viernheim, vicino Francoforte, e si è barricato all’interno del cinema con degli ostaggi. La situazione è stata risolta dall’intervento delle squadre speciali della polizia tedesca che hanno fatto irruzione nel cinema e ucciso l’aggressore, descritto come “disturbato”. Inizialmente i quotidiani locali avevano parlato di decine di feriti, ma la notizia è stata smentita dalla polizia.

– Cina: un tornado e una tempesta di grandine hanno ucciso almeno 78 persone nella provincia orientale cinese di Jiangsu. La tempesta ha anche interrotto la fornitura di energia elettrica. “Acquazzoni, grandinate e un tornado hanno colpito parte della città di Yancheng abbattendo molte abitazioni”, ha riferito l’agenzia di stampa Xinhua. Sui social media sono comparse immagini di persone ferite, case scoperchiate, macchine rovesciate, tronchi abbattuti e pali elettrici divelti. 

– Russia: Mosca ha invitato il ministro degli Esteri turco a partecipare al prossimo summit dell’Organizzazione per la cooperazione economica nel Mar Nero che si terrà il primo luglio a Sochi, ha riferito il portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova. “Posso dire che l’invito è stato inoltrato al titolare del ministero degli Esteri turco. È stata una scelta obbligata per la Russia, in quanto organizzatore dell’evento”, ha dichiarato Zakharova. Le relazioni tra Mosca e Ankara sono tese da quando la Turchia ha abbattuto due aerei da guerra russi vicino al confine con la Siria, lo scorso anno. 

– Nigeria: nel sud del paese alcuni uomini armati hanno ucciso un autista locale e rapito sette persone, tra cui tre cittadini e un residente australiani, ha reso noto il primo ministro australiano Malcolm Turnbull. Si tratta di appaltatori per la compagnia Lafarge Africa, che opera nell’industria del cemento, due dei quali sono riusciti a fuggire. Il gruppo è stato attaccato alla periferia della città di Calabar intorno alle 5:30 del mattino (ora locale), ha riferito la polizia. Calabar è una città costiera 570 chilometri a est di Lagos, la capitale nigeriana. Nella regione sono attive gang criminali e gruppi militanti. Inizialmente, c’è stata una certa confusione rispetto alla nazionalità delle persone rapite e si è parlato di un neozelandese e di un sudafricano. 

Secondo una dichiarazione diffusa da Medici senza frontiere (Msf), si sta delineando una catastrofica crisi umanitaria in un campo sfollati nello stato nigeriano di Borno. Il campo si trova nella città di Bama, nel nordest della Nigeria, e ospita circa 24mila persone, di cui 15mila bambini (un terzo dei quali sotto l’età di cinque anni). Durante il loro primo e breve accesso al campo, i medici di Msf hanno visitato oltre 800 bambini, rilevando che il 19 per cento di essi soffre di malnutrizione acuta grave, una forma di malnutrizione che porta spesso alla morte. Secondo l’Ong la situazione è molto critica e dal 23 maggio scorso almeno 188 persone sarebbero morte di diarrea e malnutrizione. 

– Spagna: un aereo a energia solare è atterrato a Siviglia, in Spagna, dopo aver completato la traversata dell’Atlantico in tre giorni. Il Solar Impulse 2 era partito dall’aeroporto internazionale di New York John F. Kennedy alle 2:30 del mattino (ora locale) del 20 giugno ed è atterrato la mattina del 23 giugno alle ore 7:30 (ora spagnola). Il volo, durato oltre 71 ore, è la quindicesima tappa di un viaggio attorno al mondo intrapreso dai due piloti svizzeri Bertrand Piccard e Andre Borschberg, che si alternano a bordo del velivolo. “Oh-la-la, assolutamente perfetto!” ha detto Piccard all’atterraggio ringraziando il suo team di ingegneri. La velocità di crociera dell’aereo è simile a quella di un’automobile, circa 70 chilometri orari. Sulle sue ali, la cui apertura è maggiore di quella di un Boeing 747, sono collocate oltre 170mila celle solari. 

– Pakistan: Migliaia di persone in lutto hanno preso parte alla processione per il funerale dell’amatissimo cantante sufi ucciso a colpi di arma da fuoco dai Taliban pachistani mercoledì 22 giugno 2016 nella città di Karachi. Amjad Sabri, 45 anni, era uno dei cantanti di “qawwali”, genere musicale religioso sufi, più popolari dell’Asia del sud. I devoti si sono ammassati attorno all’ambulanza che trasportava il corpo di Sabri, impedendole di muoversi. La morte del cantante è l’ultimo di una serie di attacchi mirati a Karachi, una megalopoli da 20 milioni di abitanti piagata da violenze di ordine politico, etnico e confessionale. Il tasso di omicidi nella città è crollato dal 2013 dopo un giro di vite da parte dei ranger, una forza paramilitare governativa, ma la paura è tornata a circolare dopo che lunedì è stato rapito il figlio del giudice a capo della Corte suprema di Sindh, Sajjad Ali Shah. 

– Stati Uniti: più di 160 esponenti del partito democratico statunitense hanno messo in scena un sit-in presso la camera dei rappresentanti a Washington per protestare contro l’inattività dei legislatori rispetto alla vendita e al controllo delle armi nel paese. L’occupazione dell’aula è stata ripresa in video dagli stessi deputati coinvolti attraverso Periscope, la funzione di Twitter in grado di trasmettere dal vivo attraverso la videocamera del proprio smartphone, visto che le telecamere istituzionali erano state spente dal presidente della camera Paul Ryan, esponente del partito repubblicano. La protesta è stata l’ultima mossa dei democratici per convincere la maggioranza repubblicana al Congresso a prendere provvedimenti sulle misure di controllo delle armi in risposta alla sparatoria di massa della scorsa settimana a Orlando, in Florida, la più letale nella storia degli Stati Uniti. Il sit-in è stato guidato dal deputato John Lewis, un veterano del movimento per i diritti civili degli anni Sessanta. 

– Italia: si è svolta questa mattina la seconda prova di maturità per circa mezzo milione di studenti italiani al loro ultimo anno di scuola superiore. La prova di oggi è stata quella di matematica per i licei scientifici, di greco per i licei classici, oltre a una serie di materie scelte a gennaio scorso che varieranno per ogni tipologia di scuola superiore, dagli Istituti professionali agli Istituti tecnici per il turismo, dal liceo linguistico al liceo musicale. La prova ha avuto il via alle 8:30 in tutte le scuole d’Italia, e per quanto riguarda il liceo classico, la traccia proposta dal ministero dell’Istruzione è una versione del greco Isocrate, tratta dall’orazione Areopagitico. Il titolo è “Vivere secondo giustizia non solo è corretto, ma anche conveniente per il presente e per il futuro”, e nel brano l’autore esorta a vivere secondo la giustizia e a non cadere nella tentazione di violare le regole imposte dalla società, perché dopo un apparente vantaggio si finirà comunque per pentirsene. 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus