Me
Cosa succede oggi nel mondo
Condividi su:

Cosa succede oggi nel mondo

Tutti i fatti da sapere per il 21 giugno 2016

21 Giu. 2016

Belgio: un uomo è stato arrestato questa mattina perché sospettato di avere dell’esplosivo da usare nel centro commerciale City2 di Bruxelles. 

– Stati Uniti: un cittadino britannico di 20 anni è stato arrestato perché avrebbe tentato di sparare a Donald Trump durante un comizio a Las Vegas, con una pistola rubata a un agente di polizia. 

– Giordania: l’esercito giordano ha reso noto che un’autobomba è esplosa vicino un campo profughi al confine con la Siria, uccidendo soldati giordani. 

– Giappone: l’esercito giapponese è in allerta per un possibile lancio di un missile balistico da parte della Corea del Nord. 

– Birmania: la leader Aung San Suu Kyi ha fatto sapere a una commissione speciale per i diritti umani delle Nazioni Unite che il governo birmano eviterà di usare il termine “Rohingya” per descrivere la minoranza musulmana perseguitata nel nord-ovest del paese. 

– Stati Uniti: il candidato repubblicano Donald Trump ha licenziato il direttore della campagna elettorale Corey Lewandowski, nonostante i successi che hanno portato Trump a ottenere la nomination repubblicana. Il motivo sarebbe da ricercare nel fatto che Lewandowski non avesse buone relazioni con il resto dello staff e con la stampa.

– Messico: almeno 8 persone sono rimaste uccise negli scontri tra la polizia e gli insegnanti. 

– Iraq: fonti interne all’esercito hanno detto che i soldati iracheni stanno avanzando nella riconquista di Falluja dalle mani del sedicente Stato islamico. 

– Repubblica democratica del Congo: il governo ha dichiarato l’inizio di un’epidemia di febbre gialla in tre province del paese tra cui la capitale Kinshasa. Almeno 1000 sono i casi monitorati. 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus