Me
101 siriani arrivano in Italia attraverso i corridoi umanitari
Condividi su:

101 siriani arrivano in Italia attraverso i corridoi umanitari

I corridoi umanitari sono stati organizzati dalla Comunità di Sant'Egidio, le Chiese Evangeliche e la Tavola Valdese, con i ministeri dell'Interno e degli Esteri

03 Mag. 2016

Stamattina, 3 maggio 2016, alle 7 un centinaio di profughi siriani sono atterrati all’aeroporto di Fiumicino, grazie ai corridoi umanitari organizzati dalla Comunità di Sant’Egidio, la Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia e la Tavola Valdese, in collaborazione con i ministeri dell’Interno e degli Esteri.

Le famiglie di siriani hanno attraversato il Mediterraneo in totale sicurezza, senza essere costretti ad avventurarsi lungo le pericolose rotte dei migranti. Tra loro anche una famiglia irachena. I profughi arrivano da Homs, Aleppo, Hama e Hassaka. Si tratta del secondo gruppo di migranti arrivati in Italia attraverso i corridoi umanitari.

Il progetto ha come principali obiettivi- si legge sul protocollo di intesa delle associazioni che lo hanno sottoscritto – evitare i viaggi con i barconi nel Mediterraneo, che hanno già provocato un numero altissimo di morti, impedire lo sfruttamento dei trafficanti di uomini che fanno affari con chi fugge dalle guerre, concedere a persone in “condizioni di vulnerabilità” (ad esempio, oltre a vittime di persecuzioni, torture e violenze, famiglie con bambini, anziani, malati, persone con disabilità) un ingresso legale sul territorio italiano con visto umanitario e la possibilità di presentare successivamente domanda di asilo.

I corridoi umanitari prevedono l’arrivo in Italia, nell’arco di due anni, di mille profughi dal Libano (per lo più siriani fuggiti dalla guerra), dal Marocco (dove approda gran parte di chi proviene dai Paesi subsahariani interessati da guerre civili e violenza diffusa) e dall’Etiopia (eritrei, somali e sudanesi). 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus