Me
Cosa è successo il 10 settembre nel mondo
Condividi su:

Cosa è successo il 10 settembre nel mondo

Le notizie senza giri di parole su TPI

10 Set. 2015

Immigrazione: non basterà accettare 160mila migranti per far fronte alla crisi dei richiedenti asilo in Europa, afferma il vice cancelliere tedesco Sigmar Gabriel. La Germania ha già accolto 450mila profughi dall’inizio dell’anno, di cui 37mila solo nei primi otto giorni di settembre. Secondo i media serbi, nelle ultime 24 ore sarebbero arrivati circa 5mila migranti al confine con l’Ungheria, che intanto ha cominciato le esercitazioni militari per preparare le truppe al pattugliamento dei confini. Nelle ultime ore, 5.700 persone sono entrate in Austria, che ha momentaneamente sospeso i treni provenienti dall’Ungheria per paura di sovraffollamento, mentre la Grecia ha permesso a 7mila persone di attraversare il confine ed entrare in Macedonia per sfuggire alle condizioni meteorologiche avverse.

– Turchia: almeno trenta persone sarebbero morte dall’inizio dell’intervento militare turco contro i militanti curdi a Cizre una settimana fa. Secondo il ministero degli Interni del Paese, la maggior parte delle vittime sarebbero militanti curdi, ma il partito filo-curdo – Partito Democratico del Popolo (Hdp) – sostiene che ci siano almeno 20 civili nel totale. Cizre si trova al confine con la Siria ed è soggetta a un coprifuoco imposto dal governo turco da circa una settimana. Una delegazione dell’Hdp, tra cui il leader Selahattin Demirtas e 30 membri del parlamento, è stata fermata dalla polizia mentre era diretta a Cizre a piedi, per verificare la situazione di prima persona.

– Sudafrica: alcuni scienziati hanno scoperto una nuova specie umana in una camera sepolcrale in fondo ad un sistema di grotte a Johannesburg, nel nord del Paese. Si tratterebbe dell’Homo nalebi, un individuo capace di comportamenti rituali. Il ritrovamento di 15 scheletri parziali – oltre 1500 pezzi – è la più grande scoperta di questo tipo mai fatta in Africa.

Giappone: alluvioni e frane hanno costretto più di 90mila persone ad abbandonare le proprie case nel nordest del Paese. La città di Joso, a nord della capitale Tokyo, è stata completamente allagata a causa dell’esondazione del fiume Kinugawa. Almeno otto persone sono disperse e oltre 100 attendono di essere soccorse. Le forti piogge torrenziali arrivano il giorno dopo che il tifone Etau ha colpito il centro del Paese, portando con sé venti fino a 125 chilometri orari.

Elezioni americane: John McAfee, il programmatore americano fondatore dell’omonima azienda McAfee (specializzata nello sviluppo degli antivirus per i computer) si candida alle presidenziali del 2016. McAfee, di 69 anni, intende rafforzare la privacy dei cittadini americani, ponendo dei limiti a dove può arrivare il governo, e riportando quest’ultimo “alla sanità”. La politica statunitense non offre molti sbocchi per i candidati indipendenti, ma McAfee sostiene di avere i numeri. “Almeno 10mila persone mi hanno chiesto di candidarmi alla presidenza negli ultimi anni,” ha dichiarato.

Segui TPI su Twitter (@tpi

Iscriviti alla newsletter: http://goo.gl/w2kb5E 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus