Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Cosa è successo il 3 settembre nel mondo

Le notizie senza giri di parole su TPI

Immagine di copertina

Turchia: sono stati rilasciati i due giornalisti di Vice, arrestati il 27 agosto con l’accusa di aver collaborato con l’organizzazione terroristica lo Stato Islamico. Jake Hanrahan e Philip Pendlebury erano stati fermati mentre riprendevano gli scontri tra militanti curdi e forze dell’ordine nei pressi della città di Diyarbakir, nel sudest della Turchia.

– Egitto: una corte ha condannato due danzatrici del ventre a sei mesi di prigione ciascuna per induzione all’immoralità, a causa dell’abbigliamento troppo provocante e rivelatore indossato nei video delle loro performance. Secondo gli avvocati di Suha Mohammed Ali e Dalia Kamal Youssef, conosciute come la Shakira egiziana e Bardis, l’accusa danneggerebbe l’immagine delle donne egiziane e sarebbe un oltraggio alla moralità pubblica.

– Ungheria: dopo la riapertura della stazione stamattina, i migranti sono saliti sull’unico treno in partenza dalla stazione di Keleti, a Budapest, pensando di raggiungere l’Austria, ma sono stati fermati a circa 30 chilometri a ovest della capitale ungherese – nella città di Bicske. Qui, il governo avrebbe allestito un campo rifugiati in cui ospitarli. I migranti che si sono rifiutati di abbandonare il treno, sono stati costretti a farlo dalla polizia ungherese con la forza.

Francia: le autorità francesi hanno confermato che i resti dell’aereo trovati a luglio nell’isola di Réunion, nell’oceano Pacifico, a est del Madagascar, appartengono al Boeing 777 della Malaysian Airlines, scomparso l’8 marzo 2014. Il volo era partito da Kuala Lumpur, in Malesia, ed era diretto a Pechino, in Cina. A bordo c’erano 239 persone, di cui la maggior parte di nazionalità cinese.

Camerun: almeno 19 persone sono morte e 143 sono rimaste ferite in due attentati suicidi nel nord del Paese. Gli attacchi sono avvenuti a Kerawa, non lontano dal confine con la Nigeria, già teatro di sanguinosi scontri tra l’esercito camerunese e miliziani di Boko Haram lo scorso febbraio. Una prima esplosione sarebbe avvenuta nei pressi di una caserma, e una seconda in un mercato. Secondo un portavoce locale del governo, sarebbero state due donne a portare avanti l’attacco.

Segui TPI su Twitter (@tpi

Iscriviti alla newsletter: http://goo.gl/w2kb5E