Me

Lettera a me stesso

Il video della campagna lanciata dal Centro Italiano Aiuti all’Infanzia per affrontare il tema delle adozioni internazionali

Immagine di copertina

Scrivere oggi una lettera indirizzata a se stessi, immaginando di poterla ricevere molti anni prima, nel momento esatto in cui abbiamo scoperto che saremmo diventati genitori.

È quanto è stato chiesto a cinque madri e padri adottivi, che oggi hanno scritto un testo immaginando di poterlo leggere nel giorno in cui la loro richiesta di adozione è stata accettata e hanno ricevuto la foto del bambino che sarebbe diventato loro figlio.

Indipendentemente da quanto tempo sia passato per ciascun genitore, rivivere il momento in cui si realizza che si diventerà genitori scatena un turbine di emozioni talmente profondo e autentico da non poter esser né nascosto né simulato ad arte. 

Il video della campagna Lettera a me stesso, lanciata dal Centro Italiano Aiuti all’Infanzia per affrontare il tema delle adozioni internazionali.