Me

Cosa è successo oggi nel mondo

Le notizie senza giri di parole su The Post Internazionale

Immagine di copertina

Siglato a Roma l’accordo tra sindacati e teatro dell’Opera per evitare 182 licenziamenti.

Spagna: la procura denuncerà il presidente catalano Artur Mas per aver fatto svolgere il voto simbolico sull’indipendenza della regione.

Italia: chiesto l’annullamento della condanna per prescrizione dell’unico imputato nel maxiprocesso sul disastro ambientale dell’Eternit.

Stati Uniti: domani Obama presenterà il piano sull’immigrazioni. Secondo il Washington Post, circa 5 milioni di clandestini saranno messi in regola.

Israele: ha ordinato la demolizione delle case degli autori dell’attentato di ieri contro una sinagoga di Gerusalemme.

Turchia: secondo la Presidenza per gli affari religiosi pubblicare foto sui social network è contro l’Islam.

Regno Unito: studenti in piazza contro l’aumento delle tasse universitarie.

Egitto: la radio pubblica ha smesso di trasmettere la musica del cantante Hamza Nabira, considerato critico verso il governo.

Siria: identificato secondo jihadista francese che compare nel video dell’uccisione di Peter Kassig. Secondo il primo ministro francese Valls sarebbero mille i jihadisti provenienti dal suo Paese che hanno aderito all’Isis.

Iraq: esploso un ordigno a Erbil, nel Kurdistan iracheno, uccidendo quattro persone. La Francia invierà sei caccia in Giordania per operazioni militari contro l’Isis.

Afghanistan: attentato suicida dei Taliban a Kabul. Al momento non si hanno dettagli sulle vittime.

Unione europea: la Commissione ha annunciato che tutti i commissari dovranno rendere noti i loro incontri con i gruppi di pressione.

Scozia: Nicola Sturgeon è il nuovo primo ministro. E’ la prima donna a ricoprire tale carica.

Ucraina: l’ambasciata britannica di Kiev provoca il Cremlino con un tweet su come la Russia può individuare i propri carri armati di cui ha negato la presenza nell’est del Paese.

Egitto: 10 civili morti negli scontri a fuoco tra esercito e milizie islamiste nel Sinai.

Messico: in corso le verifiche sui resti umani trovati nelle fosse comune di Iguala che sembrano risalire ai 43 studenti uccisi. Ma i genitori delle vittime non credono alla versione delle autorità per cui i ragazzi sarebbero stati uccisi da un gruppo criminale affiliato ai Guerreros Unidos.

Israele: ha annunciato la costruzione di 78 nuove case in Cisgiordania.

Italia: Francesca Mambro e Giuseppe Valerio Fioravanti, condannati per la strage di Bologna del 1980, dovranno risarcire lo Stato per 2 miliardi di euro.

Pakistan: condannati a morte 4 uomini per aver ucciso una loro parente rimasta incinta senza il proprio consenso.

Campagna regione lazio

Stati Uniti: ondata di gelo nel nord-est del Paese causa 5 morti a Buffalo.

Italia: due boss mafiosi condannati all’ergastolo nel processo bis per la strage di Capaci in cui morì il giudice Giovanni Falcone.

Libia: l’Onu annuncia che a Bengasi è stata raggiunta una tregua umanitaria.

Burkina Faso: il colonnello Isaac Zida nominato primo ministro.

Roma: quattro minori del centro rifugiati Infernetto coinvolti ieri in una rissa saranno trasferiti in un’altra struttura. Proteste dell’estrema destra contro la presenza dei rifugiati nel quartiere.

Myanmar: almeno 22 ribelli Kachin uccisi dall’esercito.

India: arrestato il guru Rampal, dopo numerosi scontri tra la polizia e i suoi sostenitori che volevano evitarne l’arresto.

Honduras: ritrovato il cadavere di Miss Honduras 2014 e della sorella, scomparse da alcuni giorni. Per gli inquirenti si tratterebbe di omicidio.

Isole Salomone: oggi si vota per eleggere il nuovo Parlamento.

Francia: il pilota di Formula 1 Jules Bianchi è uscito dal coma.

Netflix: il sito di film in streaming ha annunciato che nel 2015 arriverà anche in Australia e Nuova Zelanda.

Le notizie senza giri di parole su The Post Internazionale (@thepostint).

Iscriviti alla newsletter: http://goo.gl/w2kb5E