Me
Le notizie di oggi
Condividi su:

Le notizie di oggi

Quelle che non leggerete sui vostri giornali

13 Nov. 2014

Libia: è libero il tecnico italiano Marco Vallisa, rapito il 5 luglio scorso. La conferma dal ministro degli Esteri Paolo Gentiloni.

India: è stato arrestato il medico che ha eseguito le operazioni di sterilizzazione che hanno portato alla morte di 14 donne.

Italia: intesa tra Renzi e Berlusconi sull’Italicum. I due leader si sono incontrati a palazzo Chigi in serata per parlare di legge elettorale. L’accordo è sull’introduzione delle preferenze e di un premio di maggioranza a chi ottenga almeno il 40% dei voti.

Siria: dall’inizio dei bombardamenti Usa a fine settembre, sarebbero state uccise 865 persone, la maggior parte delle quali miliziani dell’Isis. Tra di esse risultano però anche 50 civili.

Iraq: premier licenzia 26 comandanti dell’esercito per corruzione. Ieri nel paese sono morte 322 persone.

Messico: ancora proteste contro il governo per i 43 studenti uccisi. Alcuni manifestanti hanno fatto irruzione nella sede del Partito rivoluzionario istituzionale, di cui fa parte il presidente Enrique Pena Nieto.

Israele: il Paese non parteciperà alla commissione d’inchiesta Onu sulle violazioni dei diritti umani che sono avvenute l’estate scorsa, durante l’offensiva israeliana a Gaza.

Libia: un’autobomba esplode vicino all’ambasciata egiziana a Tripoli senza causare vittime. È il secondo attentato nel giro di poche ore.

Italia: la Cgil convoca lo sciopero generale il 5 dicembre.

Regno Unito: Amazon comincerà anche qui a testare le consegne tramite droni.

Le notizie senza giri di parole su The Post Internazionale (@thepostint)

Iscriviti alla newsletter: http://goo.gl/w2kb5E

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus