Me
Modigliani in mostra a Pisa
Condividi su:

Modigliani in mostra a Pisa

Alcune opere del pittore livornese sono esposte a Palazzo Blu di Pisa fino al 15 febbraio 2015

30 Ott. 2014

È in esposizione a Palazzo Blu di Pisa la mostra Modigliani et ses amis, che ospita alcune opere del pittore italiano Amedeo Modigliani.

L’esposizione mette in luce il periodo di formazione dell’artista, nato a Livorno nel 1884, fino al suo trasferimento a Parigi nel 1906. Fu qui che Modì – uno dei soprannomi con cui è noto Modigliani – entrò in contatto con la vivace realtà artistica e culturale della capitale francese.

Lo stile di Modigliani risulta unico nel suo genere e rispetto alle avanguardie in voga al suo tempo appare come un “ritorno all’ordine”, ovvero una riproposizione dei valori della classicità figurativa che rifiutano le novità artistiche degli astrattisti e dei cubisti.

Modigliani fu anche uno scultore di rilievo: le sue opere sono caratterizzate da una purezza arcaica, che si ritrova nelle sculture di Brancusi e Picasso.

Collegata alla mostra di Palazzo Blu, sempre a Pisa è in corso un’altra mostra sui numerosi falsi delle opere di Modigliani. Assolute protagoniste sono le celebri Teste che furono trovate nei Fossi Medicei di Livorno nel 1984, e che furono viste da molti storici dell’arte come un incredibile ritrovamento.

In realtà le Teste altro non furono che la burla di tre ragazzi livornesi i quali, armati di trapano elettrico, avevano creato questi falsi. Causando un certo imbarazzo tra i numerosi esperti che avevano già parlato di una clamorosa scoperta.

Modigliani morì nel 1920 a Parigi, all’età di 35 anni.

Qui alcune immagini delle opere esposte alla mostra, che rimarrà aperta fino al 15 febbraio 2015

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus