Me

Perché sono una bambina

Quasi 1 ragazza su 4 tra i 15-19 anni nel mondo è vittima di violenze e circa 1 su 10 sotto i 20 anni ha avuto un rapporto forzato

Immagine di copertina

Quasi un quarto delle ragazze tra i 15 e i 19 anni nel mondo (quasi 70 milioni) sono state vittime di violenze fisiche, e circa 120 milioni di teenager sotto i 20 anni (una su dieci) hanno avuto un rapporto o atti sessuali forzati.

Inoltre, una ragazza su tre della stessa fascia di età (84 milioni) è stata vittima di violenza psicologica, fisica o sessuale da parte del marito o del partner.

Sono i dati allarmanti diffusi dall’Unicef in occasione della Giornata della Bambina, che si celebra domani 11 ottobre in tutto il mondo. A livello globale, inoltre, circa metà delle ragazze tra i 15 e i 19 anni crede che un uomo sia giustificato a picchiare la moglie o la partner in alcune circostanze come ad esempio: rifiutare un rapporto sessuale, uscire di casa senza permesso, litigare, trascurare i bambini o bruciare la cena.

In alcuni Paesi, ben sette su dieci delle ragazze tra i 15 e i 19 anni che sono state vittime di abusi fisici o sessuali, non hanno mai cercato aiuto: molte di loro pensano addirittura che non si tratti di violenza, o che non sia da considerare un problema.

Un altro dato allarmante è quello sui matrimonio precoci: in tutto il mondo, infatti, più di 700 milioni di giovani si sono sposate prima di compiere 18 anni, e oltre una su tre (circa 250 milioni) sono andate all’altare prima dei 15 anni.

“Questi dati parlano di una mentalita’ che tollera, perpetra e giustifica la violenza, e dovrebbero far suonare un campanello d’allarme in ognuno di noi, ovunque”, ha detto Geeta Rao Gupta, Vice Direttore generale dell’Unicef.

L’Unicef punta su specifiche azioni per prevenire la violenza contro le ragazze: istruire a scuola le bambine, dare loro insegnamenti importanti per la vita. supportare i genitori anche con trasferimento di soldi per arginare i rischi per le bambine. cambiare gli atteggiamenti e le norme delle comunita’, rafforzare sistemi e servizi giudiziari, sociali e penali.

“Il problema e’ globale, ma le soluzioni devono essere trovate a livello nazionale, nelle comunita’, tra le famiglie. Noi abbiamo la responsabilita’ di proteggere, istruire e rafforzare le adolescenti. Siamo tutti responsabili di fermare la violenza contro le ragazze e le bambine”, ha concluso Rao Gupta.

L’11 ottobre è anche il giorno in cui si celebra Because I am a Girl, la più grande campagna per i diritti delle bambine. Lanciata ufficialmente nel 2012 da Plan International, colorando di rosa i principali monumenti del mondo, è stata ideata dopo che due direttrici nazionali di Plan andarono in un villaggio del Nepal per monitorare il lavoro fatto in loco.

Entrando in un’umilissima casa videro una donna con due bambini, un maschio e una femmina, molto diversi tra loro: il bambino era pulito, ben tenuto, in carne, mentre la bambina era emaciata, sporca, pelle e ossa. Una direttrice chiese alla donna come mai questa differenza e lei rispose: “because she is a girl”, e cosi’ è nata Because I am a Girl. Plan Italia e Fidapa colgono l’occasione della Giornata mondiale della Bambina per proseguire unite nella loro azione contro ogni forma di discriminazione nei confronti delle bambine.

Qui alcune immagini della campagna Because I am A Girl

 

 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus