Me
Ricette per il weekend
Condividi su:

Ricette per il weekend

Il Currywurst dalla Germania. L’asado argentino. E il baba de moça brasiliano. Cosa mangiare davanti alla finale dei mondiali 2014

12 Lug. 2014

The Post Internazionale ha selezionato tre “ricette da mondiale” per il vostro weekend. Domenica, di fronte alla finale, può essere l’occasione giusta per gustare qualche piatto tipico delle nazioni protagoniste di Brasile 2014.

 

Germania

Per i tifosi della Germania consigliamo una ricetta ispirata alla nazionale tedesca, una squadra formata da tanti giocatori di seconda generazione, originari dell’Asia e dell’Africa.

Per questo, consigliamo un piatto che unisce la tradizione germanica alle spezie orientali. Facile, veloce e direttamente dalle strade di Berlino: il Currywurst.

Ingredienti:

4 wurstel

1 cucchiaio di curry giallo

Per la salsa:

1 piccola cipolla

4 cucchiaini di curry

1 cucchiaino di paprica gialla

1 cucchiaino di paprica dolce

1 cucchiaino di cumino

250 gr di passata di pomodoro

250 gr di salsa ketchup

Olio q.b.

Sale q.b.

Dieci minuti di preparazione e venti di cottura.

Si inizia con la salsa di accompagnamento: versate un filo d’olio in padella, tritate e fate appassire la cipolla, dopodiché aggiungete la paprica. Versate la passata di pomodoro e il ketchup, fate sobbollire la salsa. Ora è il momento del cucchiaino di cumino e di curry. Un pizzico di sale e un paio di mestoli d’acqua calda. Proseguite la cottura finché la salsa non si sarà addensata, poi spegnete il fuoco e tenete da parte la salsa.

Adesso passiamo ai wurstel. Portate a bollore un’abbondante quantità di acqua nella quale avrete disciolto un cucchiaio di curry. Immergetevi i wurstel e fateli bollire per circa 5 minuti, poi scolateli e passateli su una piastra rovente per farli dorare. Servite i wurstel ben caldi con abbondante salsa e patatine. Guten appetit!

Non dimenticate di accompagnare il tutto con un boccale di birra, rigorosamente tedesca.

 

Argentina

Per la squadra trainata da uno dei migliori giocatori al mondo, il capitano Lionel Messi, cosa scegliere se non il piatto più conosciuto della cucina argentina? L’asado, carne molto saporita arricchita dalla salsa chimichurri, è un piatto inventato dai gauchos, i pastori a cavallo delle pampas del Río de la Plata.

Ingredienti:

Costine e diaframma di manzo

Per la salsa:

1 spicchio di aglio

Prezzemolo q.b.

Basilico q.b.

Timo q.b.

Maggiorana q.b.

Rosmarino q.b.

Menta q.b.

Paprica q.b.

Aceto di vino q.b.

Olio

Tempo di preparazione e cottura: 60 minuti.

Salare abbondantemente la carne e cuocerla sulla griglia, frullare al mixer tutte le erbe, aggiungere la paprica, l’aceto di vino e mescolare. Ricordarsi sempre che nella carne la cottura è fondamentale. E accompagnate il vostro asado con una bottiglia di Malbec argentino. ¡Que aproveche!

 

Brasile

Se l’amaro in bocca per la catastrofica sconfitta del Brasile si fa ancora sentire, la soluzione potrebbe essere un dolce a base di cocco, che porta la nostra mente sulla spiaggia di Copacabana, lontano dal 7-1 del Mineirao: il baba de moça.

Ingredienti:

3 dl di latte di cocco

6 tuorli

2 dl di acqua

150 gr di zucchero

Preparate uno sciroppo con l’acqua e lo zucchero e fate sobbollire per 10 minuti. Mescolate con la frusta i tuorli e il latte di cocco. Versate lo sciroppo intiepidito continuando a mescolare la crema, ponetela sul fuoco e cuocetela mescolando costantemente finché si addensa. Lasciatela intiepidire girandola ogni tanto con la frusta, versatela nelle coppette e fatela raffreddare in frigorifero prima di servirla con delle piccole uova di cioccolato fondente spolverate di cacao. È vivamente consigliato sorseggiare con questo dolce una fresca caipirinha. Bom apetite!

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus