Me
L’Italia ancora senza governo
Condividi su:

L’Italia ancora senza governo

A più di un mese dalle elezioni non c'è ancora un governo italiano, ma i mercati sono relativamente tranquilli

26 Mar. 2013

Perché i mercati non sono sufficientemente in allarme per ciò che sta accadendo in Italia, che al giorno d’oggi non ha ancora un governo? A chiederselo è l’agenzia di stampa britannica Reuters. “Al contrario di Cipro, che rappresenta solo lo 0,1 per cento della zona euro, l’Italia è la terza economia dell’eurozona; ed è qui che il mondo sembra essere impazzito”.

Non solo Cipro non è rilevante, sostiene Reuters, ma è percepita come un paradiso fiscale sostenuto dai soldi russi. È quindi impossibile che i Paesi abbienti dell’eurozona, come la Germania e l’Olanda, si facciano carico dell’intero costo del piano di salvataggio per un’isola talmente piccola e “insignificante”.

Ma l’odissea italiana è ben altra cosa. “Anche se i mercati finanziari stanno monitorando l’incertezza economica nel Paese, finora non vi è stato alcun segno del panico che si impossessò degli investitori nel 2011, e che portò alla caduta del governo Berlusconi”. Lo spread, ormai barometro principale della fiducia da parte dei mercati, ha chiuso la settimana scorsa a 314 punti, ben al di sotto del 2011, quando raggiunse i 550 punti.

Un default turbolento di Cipro è da evitare, ma non avrebbe effetti poi così disastrosi sulla stabilità dell’euro. Se le cose dovessero invece degenerare per l’Italia, l’Unione europea si ritroverebbe a navigare in acque inesplorate.

Forse il mondo non è impazzito, ma si è temporaneamente paralizzato, in attesa che l’impasse italiano si sciolga. Napolitano ha respinto le accuse secondo cui il processo di formazione di un nuovo governo stia richiedendo troppo tempo. Dalle elezioni è già passato un mese, ma il presidente della Repubblica sostiene che l’Italia si sta muovendo il più velocemente possibile. Speriamo che la pazienza sia la virtù dei forti.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus