Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:38
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Tecnologia

WhatsApp, nuove condizioni dal 15 maggio: cosa fare per continuare a usarlo

Immagine di copertina
Credit: Debarchan Chatterjee/ZUMA Wire

WhatsApp, nuove condizioni dal 15 maggio: cosa fare per continuare a usarlo

Gli utenti di WhatsApp nelle prossime settimane non saranno più in grado di utilizzare pienamente l’applicazione di messaggistica più diffusa al mondo se non accetteranno gli aggiornamenti ai Termini di servizio che entreranno in vigore il prossimo sabato 15 maggio. In un aggiornamento delle FAQ (domande più frequenti) pubblicate sul proprio sito, WhatsApp ha specificato che nessun account sarà eliminato o perderà funzionalità nella data del 15 maggio, come invece affermato in precedenza.

Invece dopo diverse settimane, gli utenti che non accetteranno le modifiche inizieranno a ricevere notifiche sempre più frequenti. Da quel momento non potranno più accedere alla lista delle chat di conversazione e potranno rispondere ai messaggi solamente dalle notifiche mentre potranno continuare a ricevere telefonate e videochiamate. Dopo ancora qualche settimana, secondo WhatsApp, gli utenti non riceveranno neanche più chiamate o notifiche. WhatsApp afferma che generalmente elimina gli account inattivi dopo un periodo di quattro mesi (120 giorni).

La spiegazione di WhatsApp delle limitazioni per chi non accetterà le nuove condizioni. Credit: WhatsApp

A inizio anno l’annuncio dell’aggiornamento dei Termini di servizio e dell’informativa sulla privacy è stato accompagnato da forti polemiche in tutto il mondo, spingendo WhatsApp a rinviare di oltre tre mesi il termine per accettare le nuove condizioni. Le novità mirano ad ampliare gli scambi di dati tra WhatsApp e le altre applicazioni di Facebook, che possiede anche Instagram e Messenger, condividendo dati personali degli utenti come numeri di telefono, contatti, modello dello smartphone. Le differenze per gli utenti europei (e anche italiani) saranno però molto limitate, grazie al regolamento per la protezione dei dati personali (GDPR) che, secondo quanto ricordato da WhatsApp stessa, non consente la condivisione dei propri dati con Facebook.

LEGGI ANCHE: 1. WhatsApp, le nuove regole sulla privacy  / 2. Note audio troppo lunghe: la soluzione (geniale) di WhatsApp per i messaggi vocali / 3. Perché non ci parliamo più? La paralisi del linguaggio (e delle emozioni) ai tempi di WhatsApp (di Giulio Gambino) / 4. WhatsApp Pink, la nuova truffa nella versione rosa dell’app: ecco come funziona il virus
Il trucco per scoprire se qualcuno spia le vostre conversazioni 

Ti potrebbe interessare
Tecnologia / Su Twitter arriva “Fuorviante”: l’etichetta contro le fake news sul Covid
Lavoro / Manutenzione Predittiva e Condition Monitoring al centro dell’universo ISE
Salute / Strappato alla morte con un duplice trapianto
Ti potrebbe interessare
Tecnologia / Su Twitter arriva “Fuorviante”: l’etichetta contro le fake news sul Covid
Lavoro / Manutenzione Predittiva e Condition Monitoring al centro dell’universo ISE
Salute / Strappato alla morte con un duplice trapianto
Tecnologia / “Ecco i loro trucchi per comprarsi tutto”: come funziona la lobby di Big Tech
Tecnologia / Tre contenuti fondamentali in un progetto e-learning
Tecnologia / Cybersecurity, le 6 regole degli esperti anti-ransomware per il 2022
Tecnologia / Cloud, l’Ue lancia la controffensiva alle Big Tech Usa ma l’Italia non ha una strategia chiara
Tecnologia / Una sonda della Nasa ha toccato il sole per la prima volta
Tecnologia / Dal Riconoscimento facciale alla sorveglianza di massa: ecco come siamo spiati dall’algoritmo
Tecnologia / Digital Revolution, Tutela della Privacy e Influencer Marketing: i trend del 2021