Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:52
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Tecnologia

Dal Riconoscimento facciale alla sorveglianza di massa: ecco come siamo spiati dall’algoritmo

Immagine di copertina
Credit: The New York Times

Dal Riconoscimento facciale alla sorveglianza di massa: se la tecnica è automatizzata, lo sarà anche l’errore. Colloquio con Vincenzo Tiani

Quando parliamo di sorveglianza biometrica di massa è immediato il richiamo alla società orwelliana di “1984”, dove il Grande Fratello controlla tutti i cittadini, o alla narrazione distopica di “Minority Report”, che narra di una società priva di crimini poiché i colpevoli vengono arrestati ancora prima di compiere un reato. Chiave di volta di queste narrazioni è il rapporto tra controllo, tecnologia e sicurezza. Sul tema si dibatte ormai apertamente, soprattutto data l’applicazione dell’Intelligenza Artificiale (IA) nel campo della sicurezza e alla presenza sempre più massiccia di sistemi di videosorveglianza potenzialmente utilizzabili per il riconoscimento facciale “di massa”.

La posta in gioco è alta, e fino a che punto i soggetti pubblici possano far uso di queste tecnologie è al centro del dibattito in Italia e nell’Ue. Su input del democratico Filippo Sensi (Pd) e con la recente conversione in legge del decreto-legge 139/2021 l’Italia è diventata uno dei primi Paesi a dotarsi di una moratoria sull’uso di sistemi di videosorveglianza con riconoscimento facciale, che sono sospesi fino al 2023. Mentre molto spesso si sentono ragionamenti del tipo: “Ma se non ho nulla da nascondere, che problema c’è?”, in verità il passaggio dalla videoripresa semplice alla sorveglianza biometrica non è una questione da poco. Al contrario, il cambio di rotta su questo aspetto in materia di sicurezza è problematico, in primo luogo per l’impatto su diritti fondamentali, come il diritto all’anonimato e alla privacy. Ne abbiamo parlato con Vincenzo Tiani, dell’Hermes Center for Transparency and Digital Human Rights…
Continua a leggere l’articolo sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Costume / Le diverse generazioni e il digitale: come si comportano?
Tecnologia / Su Twitter arriva “Fuorviante”: l’etichetta contro le fake news sul Covid
Lavoro / Manutenzione Predittiva e Condition Monitoring al centro dell’universo ISE
Ti potrebbe interessare
Costume / Le diverse generazioni e il digitale: come si comportano?
Tecnologia / Su Twitter arriva “Fuorviante”: l’etichetta contro le fake news sul Covid
Lavoro / Manutenzione Predittiva e Condition Monitoring al centro dell’universo ISE
Salute / Strappato alla morte con un duplice trapianto
Tecnologia / “Ecco i loro trucchi per comprarsi tutto”: come funziona la lobby di Big Tech
Tecnologia / Tre contenuti fondamentali in un progetto e-learning
Tecnologia / Cybersecurity, le 6 regole degli esperti anti-ransomware per il 2022
Tecnologia / Cloud, l’Ue lancia la controffensiva alle Big Tech Usa ma l’Italia non ha una strategia chiara
Tecnologia / Una sonda della Nasa ha toccato il sole per la prima volta
Tecnologia / Digital Revolution, Tutela della Privacy e Influencer Marketing: i trend del 2021