Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Tecnologia

Primo giorno di scuola, non postare foto dei minori sui social. Lo dice il Codacons

Immagine di copertina
Immagine generica

Pubblicare foto di minori sui social è pericoloso. A dirlo è il Codacons ricordando che le foto pubblicate sul web diventano alla mercé di tutti

Postare foto dei minori sui social è pericoloso, l’allerta del Codacons

Le scuole sono ormai aperte in tutta Italia e studenti e genitori hanno affrontato il tanto temuto, quanto emozionante, primo giorno di scuola.

Grembiulini stirati, merendina nello zaino, forse pure qualche lacrimuccia. In tutto questo tripudio di emozioni è usuale scattare la classica foto del primo giorno. Attenzione, però, a pubblicarle sui social, perché postare foto dei minori è pericoloso.

Quella di pubblicare foto dei figli sul web è ormai un’abitudine piuttosto frequente. Ma il Codacons mette in guardia.

Proprio stamattina, lunedì 16 settembre, in concomitanza con l’apertura delle scuole, il Codacons (Coordinamento delle associazioni per la difesa dell’ambiente e dei diritti degli utenti e dei consumatori) ha rivolto un appello ai genitori di tutta Italia.

In una nota pubblicata sul loro sito si legge che l’abitudine, apparentemente innocua, di postare foto dei pargoli in grembiulino e zainetto, “oltre ad essere pericolosa viola le disposizioni sulla privacy dei minori”.

Il presidente del Codacons Carlo Rienzi ha spiegato che la prassi di pubblicare immagini dei figli su internet “permette che le foto dei minori siano alla mercé di tutti e possano circolare in modo indiscriminato sul web ed essere utilizzate anche in modo illecito”.

La normativa

Prima di postare foto di minori sui social sarebbe bene tenere a mente la normativa.

A tutela del minore, l’articolo 16 della Convenzione di New York del 20-11-1989 stabilisce che: “1. Nessun fanciullo sarà oggetto di interferenze arbitrarie nella sua vita privata, nella sua famiglia, nel suo domicilio o nella sua corrispondenza e neppure di affronti illegali al suo onore e alla sua reputazione. 2. Il fanciullo ha diritto alla protezione della legge contro tali interferenze o tali affronti”.

Anche l’art. 8 delle Regole di Pechino, intitolato “Tutela della vita privata”, prevede che “il diritto del giovane alla vita privata deve essere rispettato a tutti i livelli, per evitare che inutili danni gli siano causati da una pubblicità inutile e denigratoria”.

Attenzione quindi a pubblicare sui social network le foto dei minori, non soltanto quelle scattate ai propri figli il primo giorno di scuola.

Scampia, ragazzo di 13 anni con le treccine blu cacciato da scuola
Ti potrebbe interessare
Tecnologia / Metaverso, venduto uno yacht virtuale per 650mila dollari
Tecnologia / Aumentano i clienti Fastweb mobile: tutte le informazioni sull’operatore
Tecnologia / Scontrino elettronico e fatture elettroniche dal tuo E-commerce: Gestisco Italia l’ha reso possibile!
Ti potrebbe interessare
Tecnologia / Metaverso, venduto uno yacht virtuale per 650mila dollari
Tecnologia / Aumentano i clienti Fastweb mobile: tutte le informazioni sull’operatore
Tecnologia / Scontrino elettronico e fatture elettroniche dal tuo E-commerce: Gestisco Italia l’ha reso possibile!
Tecnologia / Cloud senza regole (per i giganti del web)
Tecnologia / Big Tech vs Stato: lo strapotere di Amazon, Facebook & co. e la nuova sfida geopolitica globale
Tecnologia / Il futuro incerto dell’intelligenza artificiale
Tecnologia / “Hey Facebook, ho creato il Metaverso nel 1994: era terribile. Ma oggi è peggio”
Economia / Digital marketing: aumentare vendite e fatturato grazie all’online
Tecnologia / Tegola per Zuckerberg, una piccola azienda di pc ha già registrato il marchio Meta: “Dateci $20 milioni”
Tecnologia / Con Cloud, 5G e IOT (uniti allo smartworking) cybersicurezza a rischio