Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 10:31
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Tecnologia

Facebook non rimuoverà più i post sull’origine del Covid in laboratorio

Immagine di copertina
Credit: EPA/SASCHA STEINBACH/ANSA

Il social network cambia le proprie linee guida contro la disinformazione sulla pandemia. La scelta segue l'indagine voluta da Joe Biden sulla possibile origine artificiale del Coronavirus

Facebook non rimuoverà più dalle proprie piattaforme i post che affermano la natura artificiale del nuovo Coronavirus responsabile della sindrome Covid. La notizia arriva a poche ore dall’annuncio del presidente degli Stati Uniti Joe Biden di aver incaricato l’intelligence di identificare l’origine della malattia che finora ha provocato in tutto il mondo oltre 3 milioni e 500 mila morti su più di 168 milioni e 471 mila contagiati.

“Alla luce delle indagini in corso sull’origine della Covid-19 e a seguito della consultazione con vari esperti di salute pubblica, non rimuoveremo più dalle nostre app l’affermazione secondo cui Covid-19 ha natura artificiale”, si legge nell’aggiornamento delle linee guida adottate dal colosso digitale “per mantenere le persone informate e limitare la disinformazione” sulla pandemia. “Stiamo continuando a lavorare con gli esperti sanitari per tenere il passo con l’evoluzione della pandemia e aggiornare regolarmente le nostre politiche man mano che emergono nuovi fatti e andamenti”.

A febbraio, la società statunitense aveva annunciato che avrebbe rimosso tali affermazioni dai social dopo una serie di “consultazioni con le principali organizzazioni sanitarie, inclusa l’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms)“. Al momento, il cambio di politica in questo senso riguarda soltanto Facebook ma non è escluso che altri social network possano seguire il colosso fondato da Mark Zuckerberg.

Attualmente, Twitter continua a mantenere invariate le proprie politiche in merito. Alla domanda se il social abbia intenzione di rivedere le proprie regole sulle affermazioni relative all’origine del Covid, un portavoce della società ha spiegato a Politico.com “non avere aggiornamenti da condividere”, limitandosi a ribadire che l’azienda continua a “lavorare in stretta consultazione con le autorità sanitarie pubbliche globali” sui problemi riguardanti la disinformazione sul Coronavirus. Anche YouTube, la piattaforma video di proprietà di Google, ha per ora confermato le proprie politiche relative alle affermazioni sulle origini del virus.

Gli Stati Uniti hanno avviato un’indagine approfondita sulle origini del Coronavirus dopo che il Wall Street Journal ha riportato la notizia di tre ricercatori del Wuhan Institute of Virology ricoverati in ospedale alla fine del 2019 con sintomi compatibili con il Covid. Il presidente Biden ha chiesto all’intelligence di presentare un rapporto in merito “entro 90 giorni”.

La mossa della Casa bianca segue una lettera-appello apparsa il 14 maggio sulle pagine della rivista Science sottoscritta da 18 scienziati di fama internazionale, secondo cui “le teorie sul rilascio accidentale da un laboratorio e il salto di specie zoonotico rimangono entrambe valide“. Inoltre negli scorsi giorni lo stesso Anthony Fauci, direttore dell’Istituto nazionale di malattie infettive e consigliere della Casa Bianca sul Covid, si era detto non convinto che il Coronavirus si fosse sviluppato per vie naturali.

Intanto la Cina ha criticato la “storia oscura” dell’intelligence americana dopo l’avvio delle indagini voluto dal presidente americano. Il portavoce del ministero degli Esteri cinese, Zhao Lijan, ha respinto le accuse mosse da Washington obiettando che “le motivazioni e gli scopi dell’amministrazione Biden sono chiari”, mentre “l’oscura storia della comunità dell’Intelligence Usa è al mondo nota da tempo”.

Ti potrebbe interessare
Tecnologia / Tu mi blocchi, io ti blocco: Clubhouse in Italia sta già morendo (di C. Sabelli Fioretti)
Tecnologia / TPI sigla una partnership con Moving Up per gestione pubblicitaria e consulenza tecnologica
Sociale / Cresce l’uso di internet in tutti i settori
Ti potrebbe interessare
Tecnologia / Tu mi blocchi, io ti blocco: Clubhouse in Italia sta già morendo (di C. Sabelli Fioretti)
Tecnologia / TPI sigla una partnership con Moving Up per gestione pubblicitaria e consulenza tecnologica
Sociale / Cresce l’uso di internet in tutti i settori
Costume / WhatsApp, lo stesso account si potrà usare su 4 dispositivi diversi
Economia / IA, verso un nuovo regolamento europeo
Tecnologia / Finalmente l’Europa alza la voce con le Big Tech: cambiate gli algoritmi, state alimentando fake news
Tecnologia / WhatsApp, da oggi nuove regole per la privacy: ecco cosa accade se non si aggiorna l’app
Tecnologia / WhatsApp, nuove condizioni dal 15 maggio: cosa fare per continuare a usarlo
Tecnologia / Easy Mobility e la partnership con Too Good To Go: le nuove iniziative di Edenred Italia
Tecnologia / "Facebook approva pubblicità di gioco d’azzardo, alcolici e diete estreme ai minorenni"