Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:41
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Tecnologia

Cloud, l’Ue lancia la controffensiva alle Big Tech Usa ma l’Italia non ha una strategia chiara

Immagine di copertina
Credit: Science Photo Library via AFP

Il mercato dei dati online è dominato dai giganti statunitensi. Mentre a livello europeo sono partite quattro diverse iniziative (Gaia-X, Horizon e Ipcei tra le altre) si fa fatica a capire quale sia la strategia del Governo italiano

«Siamo entrati in una corsa globale in cui la padronanza delle tecnologie è centrale. In questo nuovo ordine geopolitico, l’Europa deve agire come uno stratega piuttosto che come un semplice mercato». A parlare così è nientedimeno che il commissario europeo al mercato interno, Thierry Breton. Un linguaggio decisamente inusuale. Nel giro di pochissimi anni – con la pandemia a fare da acceleratore – l’Europa ha cambiato radicalmente approccio, e Breton è uno dei principali fautori della svolta europea in materia di politica tecnologica e digitale.

Lo slogan che riassume questa inversione di tendenza è «sovranità digitale». E anche se non tutti i governi sono allineati e l’interpretazione concreta del concetto è ancora fluida, la svolta è già operativa. La Germania e la Francia guidano con determinazione in questa nuova direzione. Rientra invece, se vogliamo, tra i paradossi che sia l’Italia a dover fare da apripista per quella che è probabilmente una delle trasformazioni più importanti nelle infrastrutture digitali di prossima generazione. Ovvero la migrazione verso il cloud computing delle pubbliche amministrazioni. È un paradosso perché l’Italia figura in coda in tutte le graduatorie che stimano le competenze digitali (come l’indice Desi – Digital Economy and Society Index), in un continente già fortemente arretrato rispetto a Stati Uniti e Cina. Però è così. Perché l’Italia è il Paese che in questo momento ha più risorse di tutti da spendere: miliardi di euro da investire in questa operazione. E oltretutto deve spenderli rapidamente…
Continua a leggere l’articolo sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Tecnologia / Il mercato delle connessioni mobile in Italia
Costume / Le diverse generazioni e il digitale: come si comportano?
Tecnologia / Su Twitter arriva “Fuorviante”: l’etichetta contro le fake news sul Covid
Ti potrebbe interessare
Tecnologia / Il mercato delle connessioni mobile in Italia
Costume / Le diverse generazioni e il digitale: come si comportano?
Tecnologia / Su Twitter arriva “Fuorviante”: l’etichetta contro le fake news sul Covid
Lavoro / Manutenzione Predittiva e Condition Monitoring al centro dell’universo ISE
Salute / Strappato alla morte con un duplice trapianto
Tecnologia / “Ecco i loro trucchi per comprarsi tutto”: come funziona la lobby di Big Tech
Tecnologia / Tre contenuti fondamentali in un progetto e-learning
Tecnologia / Cybersecurity, le 6 regole degli esperti anti-ransomware per il 2022
Tecnologia / Una sonda della Nasa ha toccato il sole per la prima volta
Tecnologia / Dal Riconoscimento facciale alla sorveglianza di massa: ecco come siamo spiati dall’algoritmo