Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Sport

Vuelta 2022: Pedersen emula Sgarbozza

Immagine di copertina

La maglia verde Mads Pedersen (Trek Segagredo) ha vinto in volata la diciannovesima tappa della 77ma Vuelta Espana lungo i 138 chilometri con partenza ed arrivo a Talavera de la Reina, consistenti in un doppio circuito che comprendeva la salita del Puerto de Pielago. Sul traguardo che 53 anni fa sorrise a Gigi Sgarbozza, non solo vincitore ma anche primo in classifica, il campione del mondo di Harrogate 2019 ha preceduto l’eternamente piazzato inglese Alfred Wright (Bahrain Victorious) ed il belga Gianni Vermeesch (Alpecin Deceuninck). Immutata la classifica generale con Remco Evenepoel (Quick Step Alpha Vinyl) saldamente in maglia roja con 2’07” di vantaggio sullo spagnolo Enric Mas (Team Movisar) e 5’14” sull’altro iberico Juan Ayuso (UAE Team Emirates). Degna di menzione è anche la graduatoria a punti in cui Pedersen, dopo il terzo successo di giornata in questa Vuelta, ha doppiato il secondo in classifica, Wright, vantando il danese 379 punti rispetto ai 174 del londinese.

La tappa è stata corsa sulle note di “La Vuelta sta finendo” cover del noto pezzo dei Righeira del 1985. C’è stata la solita fuga senza speranza con protagonisti lo spagnolo Ander Okamika (Burgos BH), lo statunitense Brandon McNulty (UAE Team Emirates) e l’ecuadoriano Jonathan Klever Caicedo (EF Education Easy Post). Ripreso questo trio, si è assistito al vano forcing della Bahrain Victorious nel tentativo di staccare Pedersen sul secondo passaggio del Puerto de Pielago dove Richard Carapaz (Ineos Grenadiers) transitava in testa, rafforzando così la sua egemonia nella classifica degli scalatori. Nella lunga discesa che portava al traguardo la Trek Segafredo prendeva il comando della corsa portando così il suo capitano alla vittoria.

Domani andrà in scena la ventesima tappa, l’ultima prima della passerella finale di domenica a Madrid. Saranno 181 i chilometri da Moralzarzal al Puerto de Navacerrada. Lungo questo percorso i corridori dovranno affrontare cinque GPM, di cui tre di prima categoria. Nell’ordine, verranno scalati il Puerto de Navacerrada, seguito dal Puerto de Navafria e dal Puerto de Canencia. A questo punto mancheranno 50 chilometri al traguardo. Resteranno da affrontare il Puerto de la Morcuera e, buon ultimo, il Puerto de Cotos. Dal GPM conclusivo mancheranno ancora poco meno di 7 km di falsopiano fino all’arrivo al Puerto de Navacerrada. Terreno per attaccare ce ne sarebbe pure. Ci sarà qualcuno che avrà coraggio ed ambizione per farlo?

Ti potrebbe interessare
Sport / Sorteggio ottavi Europa League 2023-2024 diretta LIVE: le avversarie di Milan, Roma e Atalanta
Sport / Sorteggio ottavi Europa League 2024 streaming e diretta tv: dove vederlo live
Sport / Roma Feyenoord streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Europa League
Ti potrebbe interessare
Sport / Sorteggio ottavi Europa League 2023-2024 diretta LIVE: le avversarie di Milan, Roma e Atalanta
Sport / Sorteggio ottavi Europa League 2024 streaming e diretta tv: dove vederlo live
Sport / Roma Feyenoord streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Europa League
Sport / Rennes Milan streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Europa League
Sport / Dani Alves condannato a 4 anni e mezzo di carcere per violenza sessuale
Sport / Napoli Barcellona streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Champions League
Sport / Inter Atletico Madrid streaming e diretta tv: dove vedere la partita di Champions League
Sport / È morto Andreas Brehme, ex difensore dell'Inter e della Germania
Sport / Zeman operato al cuore: quattro bypass. Stagione col Pescara a rischio
Sport / Jannik Sinner: “Ho pochi amici, ma veri. L’amore? I migliori tennisti al mondo hanno tutti moglie e figli”