Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:19
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Sport

Tour de France 2019, nessuna nuova, buona nuova: Ciccone resta in giallo

Immagine di copertina
tour de france 2019 settima tappa (Photo by Anne-Christine POUJOULAT / AFP)

Tour de France 2019 settima tappa | Riassunto | Commento | Ciccone maglia gialla | Oggi 12 luglio

TOUR DE FRANCE 2019 SETTIMA TAPPA – Da un Dylan all’altro: dopo Theuns, Groenewegen. E’ questo il verdetto della settima tappa del Tour de France. una lunga pedalata vallonata di 230 km da Belfort a Chalon – sur – Saone. L’assenza di ulteriori notizie è per noi italiani di conforto in quanto ci regala un’altra giornata in giallo per Giulio Ciccone.

Era presumibile che dopo l’infernale frazione di ieri sui Vosgi, oggi avremmo assistito ad un a tappa sedata. Ovviamente, c’è stata la tradizionale fuga di giornata, quella al Tour non manca mai. Protagonista il duo, di chiare origini italiane, composto da Stephane Rossetto (Cofidis) e Yoann Offredo (Wanty-Gobert). Partiti al primo chilometro, i due hanno pedalato insieme per ben 220 km raggiungendo un vantaggio massimo di 5’ 30” dopo 70 km.

Gli ultimi 10 km hanno visto i vari treni dei velocisti sgomitare tra loro, su strade oggettivamente anguste costellate da continue strettoie, fino alla volata finale vinta dall’olandese della Jumbo Visma per due centimetri su Caleb Ewan, l’australiano dagli occhi a mandorla. Peter Sagan, terzo, ha rafforzato la sua maglia verde precedendo il sempre piazzato Sonny Colbrelli.

TUTTO QUELLO CHE C’È DA SAPERE SUL TOUR DE FRANCE 2019

Domani si va sul Massiccio Centrale dove si resterà anche domenica: da Maçon a Saint Etienne, 200 km senza respiro con be sette GPM anche se nessuno di prima categoria. La classica tappa da fuga che può anche produrre risultati sorprendenti. Ribadendo quanto scritto ieri, mi domando se a Ciccone convenga spremere se stesso e la squadra per conservare la maglia gialla ad ogni costo. Meglio concentrarsi sui due traguardi possibili per Parigi: maglia bianca o maglia a pois.

Ti potrebbe interessare
Sport / Giro d’Italia 2022: gli sprinter marcano visita
Sport / Pullman scoperto della Roma: il percorso e l’orario per la festa della vittoria della Conference League
Sport / Pullman scoperto della Roma: a che ora la festa al Circo Massimo per la Conference League
Ti potrebbe interessare
Sport / Giro d’Italia 2022: gli sprinter marcano visita
Sport / Pullman scoperto della Roma: il percorso e l’orario per la festa della vittoria della Conference League
Sport / Pullman scoperto della Roma: a che ora la festa al Circo Massimo per la Conference League
Sport / Giro d’Italia 2022: Santiago Buitrago, signore della provincia autonoma
Sport / Roma Feyenoord streaming e diretta tv: dove vedere la finale di Conference League
Sport / Conference League, notte di scontri a Tirana: 60 tifosi fermati dalla polizia, 15 feriti
Sport / Giro d’Italia 2022: molto rumore per quasi nulla
Calcio / Scudetto Milan, strappata la medaglia a Pioli. La Lega: “Te la ridiamo noi”
Sport / Serie A, il Milan è campione d’Italia
Sport / Calcio, insulti razzisti allo steward dalla curva della Lazio