Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:33
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Sport » Calcio

La banca d’affari Jp Morgan: “Finanzieremo noi la Superlega del calcio”

Immagine di copertina

Previsto un pagamento una tantum da 3,5 miliardi di euro a ciascuno dei club coinvolti, tra cui Juventus, Milan e Inter

La banca d’affari JP Morgan Chase ha annunciato oggi il finanziamento della nuova Superlega del calcio europeo, varata ieri da 12 tra i maggiori club continentali, compresi Juventus, Milan e Inter. La notizia è stata confermata all’agenzia di stampa Afp da un portavoce dell’istituto di credito americano.

Proprio il risvolto economico dell’operazione ha provocato le maggiori polemiche intorno alla nascita del nuovo torneo infrasettimanale, che ha scatenato l’ira dell’Uefa e dell’Associazione dei club europei (ECA), come delle federazioni nazionali: dalla Federcalcio inglese e dalla Premier League, alla Federcalcio spagnola reale (RFEF) e a LaLiga, fino alla Federcalcio italiana (FIGC) e alla Lega Serie A.

Non a caso, il comunicato diramato ieri da Juventus, Inter, Milan, Manchester United, Liverpool, Arsenal, Chelsea, Manchester City, Tottenham, Real Madrid, Barcellona e ​​Atletico Madrid pone fortemente l’accento sulla sostenibilità dell’operazione.

“Il nuovo torneo annuale assicurerà al calcio europeo una crescita economica e un sostegno significativamente maggiori attraverso un impegno a lungo termine in termini di pagamenti solidali illimitati che cresceranno in linea con i ricavi della competizione”, si legge nella nota. “Questi pagamenti solidali saranno sostanzialmente superiori a quelli generati dalle attuali competizioni europee e dovrebbero superare i 10 miliardi di euro nel corso del periodo di impegno iniziale da parte dei Club. In cambio del proprio impegno, i club fondatori riceveranno un importo di 3,5 miliardi di euro esclusivamente per sostenere i propri piani di investimento infrastrutturale e per compensare l’impatto della pandemia di Covid-19“.

Gravate da enormi debiti e da ingenti monte ingaggi e duramente colpite dalla crisi sanitaria, le squadre coinvolte (a cui dovrebbero presto aggiungersi altre tre big, di cui due francesi) prevedono di trarre imponenti vantaggi dalla fondazione della nuova Superlega. Tuttavia, l’obiettivo stesso dei club coinvolti si è ritorto contro l’operazione, definita da più parti “un progetto cinico“.

Il presidente dell’Uefa, Aleksander Ceferin, ha definito oggi il lancio della nuova Superlega “una proposta vergognosa” di pochi club “guidati dall’avidità” che rappresenta “uno sputo in faccia a tutti gli amanti del calcio”, annunciando che i giocatori che militano nelle squadre coinvolte “saranno banditi” dalle competizioni internazionali come la Coppa del Mondo o l’Europeo e “non potranno rappresentare le proprie selezioni nazionali”.

Persino il vicepresidente della Commissione Ue per la promozione dello stile di vita europeo, Margaritis Schinas, ha ribadito la necessità di difendere “un modello di sport basato sui valori e sulla diversità e l’inclusione”. “Non c’è spazio per riservare lo sport a pochi club ricchi e potenti che vogliono troncare i legami con tutto ciò che rappresentano le federazioni: campionati nazionali, promozione e retrocessione e sostegno al calcio dilettantistico di base”, ha scritto Schinas su Twitter. “Universalità, inclusione e diversità sono elementi chiave dello sport e del nostro stile di vita europeo”.

Anche il primo ministro britannico Boris Johnson ha assicurato oggi che farà tutto il possibile per ostacolare questo progetto. “Non penso che sia una buona notizia per i tifosi e non credo che sia una buona notizia per il calcio in questo Paese”, ha rimarcato il premier in conferenza stampa.

Resta da vedere quali azioni, se del caso, le autorità pubbliche statali, comunitarie e non possano intraprendere per impedire tale sviluppo nel mondo del calcio europeo. Intanto, la FIFA ha espresso la propria “disapprovazione per un ‘campionato separatista europeo chiuso’ al di fuori delle strutture calcistiche internazionali”. Eppure, nel nuovo comunicato diramato oggi, l’organo che governa il calcio mondiale non cita la precedente minaccia rivolta ai giocatori dei club coinvolti di permettere loro di partecipare ai Mondiali.

Leggi anche: Superlega: club pronti a fare un passo indietro se l’Uefa concederà maggiori introiti (di M. Antonellis) // La Superlega dei ricchi rischia di uccidere il calcio (di A.F. Ferrari)

Ti potrebbe interessare
Calcio / Lionel Messi non rinnova col Barcellona: il comunicato del club
Calcio / Insigne conquista l’Europa: è il suo saluto al Napoli?
Calcio / Lo sport più popolare al mondo è un pesce fuor d’acqua alle Olimpiadi
Ti potrebbe interessare
Calcio / Lionel Messi non rinnova col Barcellona: il comunicato del club
Calcio / Insigne conquista l’Europa: è il suo saluto al Napoli?
Calcio / Lo sport più popolare al mondo è un pesce fuor d’acqua alle Olimpiadi
Calcio / “Chiellinigkeit”: in Germania hanno coniato una nuova parola dedicata a Chiellini
Calcio / "Sapete cosa fare": il discorso di Mancini agli azzurri prima della finale con l'Inghilterra
Calcio / Il giornale scozzese The National regala abbonamenti a vita a Mancini e a tutti gli Azzurri
Calcio / “Io italiano vi racconto l’inferno di Wembley: 10mila persone entrate senza biglietto”
Calcio / Europei, beffa per il telecronista Rai in isolamento: “Costretto a vedere la finale sulla Bbc”
Calcio / Gli inglesi rifiutano la medaglia e dimostrano che il fair play vale solo quando vincono loro (di F. Pagano)
Calcio / Ursula Von der Leyen e Charles Michel: "Tiferemo per gli Azzurri nella finale tra Italia e Inghilterra"