Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:36
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Sport » Calcio

Superlega: club pronti a fare un passo indietro se l’Uefa concederà maggiori introiti

Immagine di copertina

La nuova Superlega europea di calcio nemmeno è cominciata e già sta scoppiando il putiferio. Il deus ex machina dell’operazione è il presidente del Real Madrid Florentino Perez che con l’aiuto di Juventus e Manchester United ha concepito questa manifestazione (ma in realtà l’idea fu dell’italianissimo Marco Bogarelli, scomparso recentemente per Covid, che già molti anni fa ipotizzo un super campionato europeo) a cui parteciperanno solo i club più ricchi e potenti del calcio o quelli che vantano un passato di grandi tradizioni.

Sono i 12 club che finora hanno aderito all’iniziativa ma due tedesche e una francese, ovvero Borussia Dortmund, Bayern Monaco e Psg hanno detto no, almeno per il momento.

In realtà, rivelano a TPI fonti ai vertici del calcio italiano, anche Psg e Bayern sono pronte ad entrare ma dichiareranno le loro reali intenzioni solamente alla fine dei rispettivi campionati: “Motivi di opportunità politica” la spiegazione.

Alla Superlega hanno aderito fino a questo momento Liverpool, Manchester City, Manchester United, Chelsea, Tottenham e Arsenal dalla Premier League, Barcellona, Real Madrid e Atletico Madrid dalla Liga; Juventus, Inter e Milan dalla Serie A.

La competizione dovrebbe partire dal 2022-2023 anche se per il momento non c’è ancora nessun atto ufficiale firmato da parte di nessuna società calcistica. E sul perché le indiscrezioni non mancano: “I club hanno fatto questo passo per far capire alla Uefa che sono ‘determinati’ ma se la Uefa dovesse concedere maggiori introiti nella distribuzione dei ricavi i promotori dell’iniziativa potrebbero anche decidere di fermarsi” spiegano in queste ore fonti vicinissime al dossier. Insomma, la partita (non di calcio ma di scacchi, stavolta) è appena cominciata.

Leggi anche: 1. La Superlega dei ricchi rischia di uccidere il calcio / 2. Uefa con Serie A, Premier League e Liga contro la SuperLega: “No a questo cinico progetto”

Ti potrebbe interessare
Calcio / Il nuovo casino online “Instant Casinò” è l’Official Regional Partner della Juventus
Calcio / Dennis Praet è ancora materiale da Serie A?
Calcio / Francia, bufera su Mohamed Camara: il calciatore del Monaco rifiuta di aderire alle iniziative contro l’omofobia
Ti potrebbe interessare
Calcio / Il nuovo casino online “Instant Casinò” è l’Official Regional Partner della Juventus
Calcio / Dennis Praet è ancora materiale da Serie A?
Calcio / Francia, bufera su Mohamed Camara: il calciatore del Monaco rifiuta di aderire alle iniziative contro l’omofobia
Calcio / Germania, Adidas ritira la maglia n. 44 della nazionale di calcio: il font ricorda il marchio delle SS
Calcio / Juan Jesus: “Amarezza per assoluzione di Acerbi. Non mi sento tutelato”
Calcio / Razzismo, nessuna squalifica per Francesco Acerbi: assolto per insufficienza di prove
Calcio / Luca Toni è col cane: ingresso vietato in un circolo di Reggio Emilia. E lui attacca: “Vergogna”
Calcio / La presenza femminile nelle squadre di Serie A in Italia: analisi di Affidabile.org
Calcio / Milan, indagati l’ad Furlani e il suo predecessore Gazidis: sospetti sull’effettiva proprietà del club
Calcio / Evasione fiscale, chiesti in Spagna 4 anni e 9 mesi di carcere per Ancelotti