Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 17:44
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Rio 2016, per la prima volta un’atleta iraniana donna vince una medaglia alle Olimpiadi

Immagine di copertina

Kimia Alizadeh Zenoorin, classe 1998, è la prima donna iraniana a conquistare una medaglia in una competizione olimpica

Kimia Alizadeh Zenoorin sorride mentre si appresta a salire sul terzo gradino del podio, nella notte di giovedì 18 agosto a Rio. Sa di aver scritto un capitolo importante nella storia dello sport iraniano nel mondo, vincendo il bronzo nella classe 57 chili di taekwondo e divenendo così la prima donna iraniana a conquistare una medaglia in un evento olimpico. 

Grande prestazione la sua, coronata dalla vittoria contro la svedese Nikita Glasnovic, Kimia si è così aggiudicata una medaglia storica riportando una vittoria significativa sia per sé, sia per la Repubblica islamica che non sempre ha riservato un trattamento equo verso le donne che intendevano partecipare ad attività sportive, o anche praticarle.

Un caso in particolare suscitò un anno fa ampio clamore, ossia l’arresto di una cittadina iraniana-britannica, Ghoncheh Ghavami. Insieme ad altre donne, la giovane protestava fuori dallo stadio chiedendo alle autorità di essere ammessa a guardare una partita di pallavolo maschile. 

Nonostante la legge islamica imponga il divieto per le donne di partecipare a incontri sportivi maschili, sull’ondata delle polemiche suscitate dal caso di Ghavami, il ministero dello Sport iraniano decise di allentare l’imposizione permettendo alle donne di entrare allo stadio e seguire la competizione maschile di pallavolo.

Al di là di tutto, la vittoria di Kimia è comunque un tassello importante nella storia dello sport nazionale. Sono state pochissime le donne iraniane ad aver gareggiate alle Olimpiadi dal 1979 a oggi. La prima atleta a parteciparvi fu Archer Lida Fariman nel 1992. 

Alla fine del match, Kimia ha ringraziato la sua famiglia per averla sostenuta in questa sua passione e il suo allenatore. “Vorrei aver fatto la storia con una medaglia d’oro. Ringrazio Dio che mi ha permesso di fare la storia, conquistando il bronzo e aprire così la strada ad altre donne sportive iraniane”. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Lo scandalo dei Facebook Papers parla chiaro: va tolto subito a Zuckerberg il potere sui nostri dati
Esteri / L’Iran annuncia la ripresa dei negoziati sul nucleare a Vienna: “Ripartiranno a novembre”
Esteri / La Corte Ue condanna la Polonia: multa di 1 milione di euro al giorno
Ti potrebbe interessare
Esteri / Lo scandalo dei Facebook Papers parla chiaro: va tolto subito a Zuckerberg il potere sui nostri dati
Esteri / L’Iran annuncia la ripresa dei negoziati sul nucleare a Vienna: “Ripartiranno a novembre”
Esteri / La Corte Ue condanna la Polonia: multa di 1 milione di euro al giorno
Esteri / Afghanistan: 8 fratellini orfani morti di fame. L’allarme di Save The Children: “Paese sull’orlo della carestia”
Esteri / I Maneskin alla conquista degli Usa: apriranno il concerto dei Rolling Stones a Las Vegas
Esteri / Allarme in Europa: rubate le chiavi per generare Green pass. Nel dark web quello “funzionante” di Hitler
Esteri / Scandalo Facebook, Zuckerberg a un passo delle dimissioni
Esteri / La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri