Covid ultime 24h
casi +19.886
deceduti +308
tamponi +353.704
terapie intensive +11

Maradona, testimonianza shock: “Drogato con pillole nella birra per tenerlo buono”

Di Marco Nepi
Pubblicato il 17 Feb. 2021 alle 20:09 Aggiornato il 17 Feb. 2021 alle 20:13
11
Immagine di copertina
Credits: Ansa

Maradona, nuovi dettagli shock

Spuntano nuovi dettagli sulla morte di Diego Armando Maradonaavvenuta lo scorso 25 novembre. Dopo l’audio shock del medico (“Il gordo sta morendo”) si aggiungono nuovi inquietanti retroscena. Questa volta a parlare è Griselda Morel, psicopedadoga del figlio più piccolo del Maradona e frutto della relazione con Veronica Ojed.

Ecco la testimonianza di Griselda Morel: “Monona (la cuoca di Maradona,) mi ha più volte raccontato di come il personale di sicurezza sciogliesse delle pillole nella birra o nel vino. Lo facevano prima che Maradona andasse a dormire, in modo da tenerlo a bada perché non disturbasse durante la notte. A volte era lui stesso a chiedere le pillole, perché soffriva di insonnia, e loro facevano qualsiasi cosa. Se Diego si alzava alle 9 del mattino con il desiderio di una birra, loro gliela davano”.

La psicopedadoga del figlio ha poi proseguito la sua testimonianza puntando il dito contro Carlos Ibáñez e contro Maxi Pomargo con cui Maradona quasi conviveva: “Gli offrivano continuamente da bere e lo intontivano per fare i loro comodi”, ha rincarato Morel. “Quella casa era ridotta uno schifo, piena di sporcizia ovunque e con un frigorifero pieno esclusivamente di alcolici”.

Leggi anche: 1. Maradona, spunta l’audio shock del medico: “Il gordo sta morendo”; // 2. Diego Armando Maradona è morto: il calcio piange il più grande di sempre // 3.  Il Dio scugnizzo. Maradona era genio e follia: come Napoli (di Flavio Pagano) // 4. Perdonaci Diego: ti abbiamo venerato come un dio e ci siamo dimenticati che eri un uomo (di Diego Carluccio); // 5. Selfie di fianco alla salma di Maradona in Argentina: le foto sui social

11
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.