Covid ultime 24h
casi +12.415
deceduti +377
tamponi +211.078
terapie intensive -17

Maradona, Ferlaino replica a Cabrini: “Se Pessotto avesse giocato a Napoli non avrebbe tentato il suicidio”

Di Antonio Scali
Pubblicato il 1 Dic. 2020 alle 08:36 Aggiornato il 1 Dic. 2020 alle 08:59
183
Immagine di copertina

Botta e risposta shock tra Antonio Cabrini e Corrado Ferlaino, dopo la morte di Diego Armando Maradona. L’ex presidente del Napoli, quello che ha portato il fuoriclasse argentino in azzurro e con il quale i partenopei hanno vinto due scudetti, ha risposto duramente alle parole dell’ex difensore bianconero, il quale il giorno dopo la scomparsa del Pibe de Oro aveva commentato: “Se fosse venuto alla Juve non sarebbe morto”.

Parole che avevano suscitato un mare di polemiche, tanto che poi Cabrini si era scusato: “Ho pensato che l’ambiente ovattato nel quale ho vissuto alla Juve l’avrebbe protetto. Chiedo scusa a chi si è sentito offeso”. Dichiarazioni che evidentemente non sono andate giù all’ex presidente del Napoli Ferlaino. Intervistato da RaiNews24, ha infatti replicato: “E quel giocatore della Juve che si è suicidato? A Napoli non sarebbe mai successo”.

Il riferimento è al tentato suicidio da parte di Gianluca Pessotto che, il 27 giugno 2006, si lanciò nel vuoto dall’edificio della sede della Juve a Torino con in mano un rosario, riuscendo per fortuna a salvarsi dopo settimane di ricovero in ospedale. “A Napoli un fatto simile non sarebbe mai successo perché Napoli è una città bella, piena di vita. Cabrini è un giocatore juventino, lasciamogli dire queste sciocchezze. Certamente Maradona non sarebbe mai andato alla Juventus. Se n’è scappato dal Barcellona, figuriamoci se sarebbe andato alla Juventus… Maradona era amico del popolo napoletano perché legava benissimo con questo. Cabrini dice sciocchezze, ognuno può dire quello che vuole, anche le sciocchezze”, ha aggiunto Ferlaino.

Leggi anche: Il patrimonio di Diego Armando Maradona: a chi andrà l’eredità?

183
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.