Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:47
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Sport

Giro d’Italia, Elia Viviani vince la seconda tappa in volata. Dennis in maglia rosa

Immagine di copertina
Il ciclista italiano Elia Viviani all'arrivo di una gara

A Tel Aviv l’olimpionico batte negli ultimi metri Mareczko. Sam terzo

Giro d’Italia 2018 | Seconda tappa

Come previsto la seconda tappa del 101esimo Giro d’Italia 2018 (la Haifa-Tel Aviv di 167 chilometri) è stata decisa in volata. Ad alzare le braccia al cielo è stato il favorito, l’olimpionico Elia Viviani, bravissimo prima a prendere la scia di Mareczko ai 250 metri dall’arrivo e poi bruciarlo negli ultimi metri. Si tratta della seconda vittoria al Giro in carriera per l’italiano. Al terzo posto l’irlandese Sam.

“Non era facile, sembravo calmo, ma non lo ero per niente. Siamo qui per le volate, la responsabilità la sentivo. Tutti si aspettavano la vittoria, non era facile. Abbiamo gestito bene la gara. Difficile stare tutti insieme, volata bellissima”, ha commentato a caldo Viviani ai microfoni di Rai Sport.

Gara che ha portato a un cambio di maglia rosa che passa da Tom Dumoulin, vincitore della crono di ieri, al 27enne australiano Rohan Dennis (Bmc), grazie ai tre secondi di abbuono conquistati al traguardo volante di Caesarea.

“Ringrazio la squadra che ha creduto in me, opportunità che ho sfruttato al meglio. Tenere la maglia rosa fino alla fine? Il Giro è molto lungo, vedremo giorno per giorno”, le parole alla Rai del nuovo leader della classifica.

Domani la terza tappa, l’ultima in Israele. Si va da Be’er Sheva a Eilat, 229 km di percorso leggermente ondulato, con le insidie che comporta – a partire dal caldo – una giornata spesa interamente nel deserto del Negev fino al Mar Rosso, sul ramo del Golfo di Aqaba.

Classifica dopo la seconda tappa

  1. Rohan Dennis (Aus) 177 km in 4h03’21”.
  2. Dumoulin (Ola) a 1”.
  3. Campenaerts (Bel) a 3”.
  4. Gonçalves (Por) a 13”.
  5.  Dowsett (Gb) a 17”.
  6. Bilbao (Spa) a 19”.
  7. Yates (Gb) a 21”.
  8. Schachmann (Ger) a 22”.
  9. Martin (Ger) a 28”.
  10. Pozzovivo (Ita)a 28”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI