Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:03
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Sport

Giro delle Fiandre: il ruggito di Kasper Asgreen gela van der Poel

Immagine di copertina
Kasper Asgreen festeggia la vittoria. Credit: EPA/STEPHANIE LECOCQ

Il campione di Danimarca Kasper Asgreen (Deceuninck – Quick Step) ha vinto la 105ma Ronde Van Vlaanderen (il Giro delle Fiandre) battendo in volata il vincitore dell’anno scorso Mathieu van der Poel (Alpecin-Fenix). Al terzo posto a 33” si è classificato il campione olimpico Greg Van Avermaet (AG2R Citroën Team) che ha regolato il connazionale Jasper Stuyven (Trek – Segafredo), recente vincitore della Milano – Sanremo. A 24 anni dalla vittoria di Rolf Sorensen, la Danimarca torna a trionfare nella corsa dei muri.

È questa l’inattesa sentenza di una gara in cui il Wolfpack si è dimostrato il team più forte. Sembrava dovesse essere il campione del mondo Julian Alaphilippe a fungere da terminale del lavoro della Deceuninck – Quick Step, invece è stato Asgreen che ha saputo sfruttare a suo favore la rivalità tra il campione d’Olanda, il cui padre Adrie aveva conquistato il Giro delle Fiandre 35 anni fa, ed il suo eterno rivale, il fiammingo Wout van Aert (Jumbo-Visma).

È verosimile che van der Poel abbia speso moltissime energie per staccare il rivale d’una vita sul Vecchio Kwaremont, sottovalutando poi il danese, unico a resistere alla sua progressione, da tutti ritenuto più lento di lui in volata. Invece sull’interminabile rettilineo finale di Oudenaarde, dopo aver superato ben 19 muri dislocati lungo i 254 chilometri di corsa, il pupillo di Patrick Lefevere, mulinando un rapporto più agile, ha avuto la meglio sul tulipano che, a sorpresa, ha alzato bandiera bianca a 50 metri dal traguardo.

A 25 anni dal trionfo di Michele Bartoli, e a 20 dalla vittoria di Gianluca Bortolami, la presenza azzurra è stata poco più che simbolica, ennesima testimonianza d’un momento buio per il ciclismo italiano che sembra ancora lontano dalla fine. Con la Parigi – Roubaix rimandata da domenica prossima al 3 ottobre, la campagna del Nord va brevemente in letargo. Si tornerà a correre tra due settimane con l’Amstel Gold Race cui seguiranno le due classiche delle Ardenne, Freccia Vallone, mercoledì 21 aprile, e Liegi – Bastogne – Liegi, domenica 25 aprile.

Leggi anche: Senza la Parigi-Roubaix è un Giro delle Fiandre che vale doppio

Ti potrebbe interessare
Calcio / Celebre giocatore della Premier League arrestato per stupro: mistero sull’identità
Sport / Tour de France 2022: Van Aert vince e da’ spettacolo
Sport / Tour de France 2022: la sesta di Groenewegen ha il sapore della resurrezione
Ti potrebbe interessare
Calcio / Celebre giocatore della Premier League arrestato per stupro: mistero sull’identità
Sport / Tour de France 2022: Van Aert vince e da’ spettacolo
Sport / Tour de France 2022: la sesta di Groenewegen ha il sapore della resurrezione
Sport / Tour de France 2022: il vento latita, le cadute no
Sport / Palio di Siena 2 luglio 2022, vincitore: chi ha vinto la Carriera di oggi | Risultato
Sport / Palio di Siena 2 luglio 2022, i cavalli e le relative contrade: tutte le assegnazioni
Sport / Palio di Siena 2 luglio 2022 streaming e diretta tv: dove vedere la Carriera
Sport / Palio di Siena 2022, il drappellone che sarà consegnato alla contrada vincitrice. FOTO
Sport / Perché il Palio di Siena 2 luglio 2022 non va in onda sulla Rai: il motivo del cambio
Sport / Palio di Siena 2 luglio 2022: il regolamento della Carriera