Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 15:38
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Sport » Calcio

Il fallimento della Superlega: senza il consenso gli affaristi e gli speculatori restano a bocca asciutta

Immagine di copertina
Credit: Ansa

La Superlega è abortita in una sola notte. Sepolta dalle rivolte di popolo in Gran Bretagna (con slogan e striscioni “Superleagueout”), screditata da un coro quasi unanime di dissociazioni, distrutta nella sua immagine fin dalla culla, e ridotta nel messaggio a quello che era: un circoletto secessionista di miliardari indebitati ed egoisti che provano a chiudersi in una fortezza dorata. Lo fanno in gran segreto, e per giunta non ci riescono.

La partita non è ancora ufficialmente chiusa, ma l’effetto valanga che porta a quel risultato è già intuibile sin da ora: prima il forfait clamoroso del Chelsea, che ha colpito al cuore il progetto ambizioso e folle di abbandonare i campionati del merito sportivo per creare un circo di ottimati. Poi le proteste, ovunque. Quindi l’annuncio informale – la notizia del martedì sera – che le squadre spagnole sono ad un passo dall’addio.

La figura peggiore la stanno facendo – come non dirlo – le italiane: la gaffe della Juve e del povero Andrea Agnelli (che Urbano Cairo chiama “Giuda”), il tentativo fallito di Inter e Milan di costruire consensi intorno a quello che il mister del Sassuolo, De Zerbi ha definito “un golpe”.

Il tema è che nel calcio i simboli della crisi diventano ancora più potenti nella realtà. L’idea dei più ricchi che se ne vanno, portandosi via il pallone, e inseguendo i miraggi dei diritti, con la garanzia della grande banca d’affari, era forse semplificata, forte, ma espressionisticamente esatta.

Ed è lo specchio perfetto dell’esito possibile della pandemia: un grande vento di egoismo che soffia nelle vele di chi pensa di difendersi, nel tempo della crisi, pensando solo a se stesso: si salvi chi può.

La fine del merito. La fine dello spirito sportivo, la fine dell’idea democratica che tutti sono tenuti a confrontarsi con tutti. La fine della possibilità di determinarsi il proprio destino, nella sfida in cui Davide può sempre mettere al tappeto Golia.

Ecco perché questa rivolta popolare che ha preso corpo in tutta Europa – facendo saltare la più grande operazione economica dell’anno – resterà un esempio senza precedenti. Senza il consenso gli affaristi e gli speculatori restano a bocca asciutta.

Leggi anche: 1. La Superlega dei ricchi rischia di uccidere il calcio / 2. Tra super leghe e allargamenti Champions, ecco come è aumentato il divario tra i campionati europei

Ti potrebbe interessare
Calcio / Superlega: 9 dei 12 club ammettono errore e chiedono scusa all’Uefa
Calcio / Tra appartenenza e fede, ecco perché il tifoso di calcio non è solo uno spettatore
Calcio / L'ipocrisia della Uefa: si scandalizza per la Superlega ma da anni cavalca il calcio business (di A. Di Battista)
Ti potrebbe interessare
Calcio / Superlega: 9 dei 12 club ammettono errore e chiedono scusa all’Uefa
Calcio / Tra appartenenza e fede, ecco perché il tifoso di calcio non è solo uno spettatore
Calcio / L'ipocrisia della Uefa: si scandalizza per la Superlega ma da anni cavalca il calcio business (di A. Di Battista)
Calcio / Anche senza Super Lega il calcio europeo sta per cambiare faccia
Calcio / Tra super leghe e allargamenti Champions, ecco come è aumentato il divario tra i campionati europei
Calcio / La banca d’affari Jp Morgan: “Finanzieremo noi la Superlega del calcio”
Calcio / Superlega: club pronti a fare un passo indietro se l'Uefa concederà maggiori introiti (di M. Antonellis)
Calcio / Calcio, nasce la Superlega: sì di Juve, Inter e Milan. Uefa furiosa: “Fuori dai campionati”
Calcio / Gravina rieletto presidente della Figc: quali prospettive per il calcio dei prossimi anni?
Calcio / “Vogliamo fare una statua a Gigi Riva ma una legge fascista ancora vigente ce lo impedisce”