Chi è Sebastian Caltagirone, il finto figlio adottivo di Pamela Prati

Di Cristina Migliaccio
Pubblicato il 29 Mag. 2019 alle 14:44
0
Immagine di copertina

SEBASTIAN CALTAGIRONE CHI È – Il Prati-gate ha stregato tutta l’Italia. Le finte nozze di Pamela Prati con Marco Caltagirone hanno riempito programmi e giornali per mesi finché non è spuntata fuori la verità: Marco Caltagirone non esiste.

A fomentare questa finta favola è stata proprio Pamela Prati, la quale più volte ha ribadito di avere finalmente realizzato il suo desiderio di avere una famiglia.

Perché, oltre al futuro sposo, la showgirl avrebbe adottato due bambini: Sebastian e Rebecca. La Prati ha sbandierato in trasmissione dalla D’Urso un disegno fatto dai bambini. Dopo la rivelazione su Caltagirone, si scopre che anche i bambini erano frutto della sua immaginazione, o quasi.

Perché Sebastian Caltagirone in realtà esiste, soltanto che non è il figlio adottato di Pamela Prati.

Sebastian Caltagirone chi è | Furto d’identità?

Durante la puntata di Live Non è la D’Urso in onda mercoledì 29 maggio 2019, si parlerà della storia di Sebastian Caltagirone, il bambino adottato dalla coppia Prati-Caltagirone e che in realtà non è mai esistito.

In studio con la D’Urso presenzia la madre del bambino, vittima di una truffa. Alla donna infatti era stato fatto credere che il bambino fosse stato scelto come protagonista di una fiction. Soltanto grazie al programma di Barbara D’Urso ha poi appreso la verità ed è proprio nel salotto di Canale 5 che vuole portare la propria testimonianza.

“Mark Caltagirone siamo noi”: tutta la verità sul Prati-gate, dai cachet ai profili fake

Pamela Perricciolo, Donna Pamela, in un’intervista a Il fatto quotidiano avrebbe rivelato a Selvaggia Lucarelli che il bambino è un attore con regolare contratto. “Il bambino in questione ha sostenuto alla Aicos Management una serie di provini, dopo la regolare iscrizione all’agenzia, sottoscritta da suo padre, essendo lui un minore”.

Sebastian era stato presentato a Pamela Prati in un bar di Roma ed era stato fatto passare per un italo-spagnolo quando in realtà è romano.

“La madre del bambino sapeva che avrebbe dovuto interpretare il ruolo di un ragazzino figlio adottivo di un imprenditore. Il ragazzino è regolarmente iscritto all’agenzia”, ha continuato la Perricciolo, spiegando di non aver commesso alcun reato e che i genitori fossero perfettamente a conoscenza del contratto.

Dopo la Perricciolo, la parola spetta alla madre del piccolo Sebastian, un bambino di dieci anni il cui vero nome per motivi di privacy non è stato divulgato.

Pamela Perricciolo svela la truffa del caso Prati: “Abbiamo mentito tutte e tre”

Testimonianza shock a TPI: “Sono stato ricattato dalla Perricciolo, ma non ho denunciato per paura” | Video

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.