Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Spettacoli » TV

Marco Liorni si è trasformato in cigno: ora è un conduttore che diverte e si diverte

Immagine di copertina
Marco Liorni. Credit: Ansa

In ere televisive precedenti, Marco Liorni sembrava una sorta di Brutto Anatroccolo; o meglio, di “Puccettone” (citando la fantozziana epopea cinematografica di Paolo Villaggio) del video. Quel bravo ragazzo un po’ sottotono, di scarse pretese, che bussava timidamente agli schermi domestici degli italiani in modo dimesso, quasi col timore di disturbare.

In cuor tuo sapevi che, qualora la tua ragazza fosse rimasta a dormire a casa sua, non solo non avrebbe tentato di approfittarsene, ma si sarebbe anche impegnato a respingere sdegnosamente eventuali insidie da parte della medesima. Non sia mai. Un po’ santo, un po’ “Puccettone” appunto, per dirla con Calboni. Il tutto soltanto in nome della vostra vecchia, incrollabile amicizia.

La sensazione era quella di potergli lasciare le credenziali del conto corrente on-line o usarlo come prestanome senza il timore di perdere l’ombra di un quattrino. Era il Liorni buono come il pane ma con meno appeal televisivo. Quello che – da giornalista – si dispiaceva (anche comprensibilmente) quando non gli veniva offerto un contenitore pomeridiano di news o d’attualità, ma lo si buttava eventualmente, a mo’ di rimpiazzo, nell’agone ritenuto meno nobile del quiz.

Oggi, a 56 anni, dopo un’intera estate trionfante su Rai1 con “Reazione a catena”, il Brutto Anatroccolo non solo è diventato cigno, ma anche rapace predatore. Oltre a non vergognarsi più per il fatto di pascolare nell’intrattenimento, ha assunto un piglio guascone trasformandolo in rara bravura; tecnicamente perfetto nel gestire tempi televisivi stretti e interazioni con i concorrenti che richiedono spesso risposte brillanti e un po’ fuori copione. Diverte e si diverte in scioltezza, senza sentirsi fuori posto e coinvolgendo lo spettatore.

E’ un conduttore risolto, insomma. Complice un buon format in onda dal 2007 che prima di lui è stato condotto da Pupo, Pino Insegno, Amadeus e Gabriele Corsi. Una cavalcata fra sinonimi e aggettivi che uniscono parole e che traghettano il programma dalle parti della Ghigliottina, il gioco finale, quello più forte, de “L’Eredità”.

Stiano attenti colleghi e rivali, più o meno illustri, perché il Marco Liorni di oggi risulterebbe spendibilissimo anche nella collezione televisiva autunno-inverno, e non solo dalle parti dell’attualità con il rodato “ItaliaSì!”. Il Liorni di oggi può fare tutto, e bene. Meglio di altri, che a volte ormai sembrano sonnecchiare. E conquista. Anche la vostra ragazza, naturalmente. A buon intenditor…

Ti potrebbe interessare
TV / L’avvocato del diavolo: tutto quello che sappiamo sul film in onda su Sky Cinema Uno
TV / Il mio vicino del piano di sopra: la trama del film su Rai 1
TV / Il mio vicino del piano di sopra, il cast del film: attori e personaggi
Ti potrebbe interessare
TV / L’avvocato del diavolo: tutto quello che sappiamo sul film in onda su Sky Cinema Uno
TV / Il mio vicino del piano di sopra: la trama del film su Rai 1
TV / Il mio vicino del piano di sopra, il cast del film: attori e personaggi
TV / Il mio vicino del piano di sopra: tutto sul film in onda su Rai 1
TV / La Grande Storia, stasera su Rai 3 con Paolo Mieli: le anticipazioni
TV / Zona Bianca, le anticipazioni e gli ospiti della puntata del 18 agosto 2022
TV / Il grande salto, il cast del film: attori e personaggi
TV / Il grande salto: tutto sul film in onda su Canale 5
TV / Elezioni, Pannofino: “Carlo Calenda? Una gag comica. Meloni spacca l’obiettivo, ma spero non vinca”
TV / Ascolti tv mercoledì 17 agosto: SuperQuark, La felicità degli altri, Fratelli Caputo