Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 04:18
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Spettacoli » TV

Marco Columbro: la grave malattia che ha fatto rischiare la vita al conduttore

Immagine di copertina

Marco Columbro: la grave malattia che ha fatto rischiare la vita al conduttore

Qual è la malattia che ha colpito Marco Columbro, ospite ad Oggi è un altro giorno su Rai 1? Il 7 dicembre 2001, mentre è in visita al monastero tibetano Samteng Ling di Graglia, in provincia di Biella, il noto conduttore tv è stato colpito da un aneurisma cerebrale, che lo ha mandato in coma per un mese all’ospedale di Novara.

“Sono stato in coma 25 giorni, ricordo che sono svenuto in albergo, mi sono svegliato dopo un mese in sedia a rotelle in un centro di riabilitazione – ha raccontato a La Repubblica -. Uscire dal coma è stata una rinascita, devi riapprendere le cose che sembravano acquisite. Dopo la malattia per la televisione sono morto. Mi sono dedicato al teatro, della mia azienda di biologico e del mio resort in Toscana”.

Sulla malattia Marco Columbro di recente, ospite a BellaMa, ha aggiunto: “È difficile da spiegare, ma ti senti frammentato. Non sapevo più chi fossi. Poi non riuscivo a fare cose banali, come saltare a piedi uniti, e parlavo rallentato: ero preoccupato di non poter tornare a fare teatro. Ho dovuto imparare nuovamente a fare tutto: la barba, camminare, usare le posate, come fossi un bambino che nasce in un corpo da adulto, ma con la mente a pezzi. Grazie a quell’ictus, però, i dottori hanno scoperto un aneurisma che avevo nel cervello e che probabilmente mi sarebbe stato fatale”.

Chi è

Ma chi è Marco Columbro? Il conduttore tv è nato a Viareggio il 28 giugno 1950. Ha debuttato come attore teatrale nella seconda metà degli anni settanta, per poi dedicarsi alla conduzione di varietà giornalieri per le reti Fininvest come il programma Tra moglie e marito nel decennio successivo.

Negli anni novanta è stato legato artisticamente a Lorella Cuccarini con la quale ha condotto diverse edizioni di varietà come Paperissima e Buona Domenica e della maratona di beneficenza Trenta ore per la vita e ha partecipato come attore a fiction, in particolare Caro maestro, serie televisiva prodotta in due differenti cicli a metà del decennio, di cui era il protagonista.

Negli anni duemila, anche a causa di un aneurisma cerebrale, la sua carriera televisiva ha subìto una battuta d’arresto in favore, però, dell’attività teatrale. Durante la sua carriera ha vinto 13 Telegatti.

Vita privata? Negli anni ’90 Marco Colombro ha avuto una relazione con Elena Perrucchini, dalla quale, nel 1993, ha avuto un figlio. Dopo una seconda relazione con Stefania Santini dal 2008 al 2011, è fidanzato con Marzia Risalti.

Ti potrebbe interessare
TV / In-tolleranza zero: tutto quello che c’è da sapere sullo show di Pucci
TV / Non preoccuparti delle piccole cose: tutto quello che c’è da sapere sul film
TV / Davos: le anticipazioni (trama e cast) della prima puntata
Ti potrebbe interessare
TV / In-tolleranza zero: tutto quello che c’è da sapere sullo show di Pucci
TV / Non preoccuparti delle piccole cose: tutto quello che c’è da sapere sul film
TV / Davos: le anticipazioni (trama e cast) della prima puntata
TV / Davos streaming e diretta tv: dove vedere la prima puntata della serie
TV / Chi l’ha visto?, le anticipazioni della puntata del 19 giugno 2024 su Rai 3
TV / Davos: quante puntate, durata e quando finisce
TV / Fuori dal coro: anticipazioni e ospiti della puntata di stasera, mercoledì 19 giugno 2024
TV / Davos: il cast della serie su Canale 5. Attori e personaggi
TV / Davos: tutto quello che c’è da sapere sulla nuova serie di Canale 5
TV / Ascolti tv martedì 18 giugno: Portogallo-Repubblica Ceca, Ricomincio da me