Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:17
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Spettacoli » TV

Julia Stiles, carriera e vita privata dell’attrice di Riviera

Immagine di copertina

JULIA STILES RIVIERA CHI È – Julia O’Hara Stiles è un’attrice americana ben nota al grande e piccolo schermo. Nata a New York il 28 marzo 1981, Julia Stiles è conosciuta principalmente per il ruolo di Nicky Parsons nella serie di film Bourne, ma anche come Georgina nella serie Riviera.

Julia Stiles Riviera chi è | Carriera

La sua carriera è partita a piccoli passi, recitando in ruoli marginati con compagnie teatrali di New York per poi decollare a 11 anni sul piccolo schermo interpretando Erica Dansby in Ghostwriter.

Il primo ruolo importante è arrivato al cinema nel 1997 con L’ombra del diavolo in cui recita accanto a Harrison Ford e Brad Pitt.

Julia Stiles ha recitato in tante commedie, come 10 cose che odio di te, Pazzo di te!, ma anche in film più intensi come THe Business of Strangersm Mona Lisa Smile e Omen – Il Presagio.

Il grande successo arriva all’inizio del nuovo millennio con Save the last Dance che le vale il premio del miglior bacio agli MTV Movie Awards.

Ha vinto un altro MTV Movie Awards nel 2000 per la categoria di migliore performance rivelazione femminile grazie a 10 cose che odio di te.

Abbiamo visto Julia Stiles in tante altre pellicole come Bourne, The Prince and Me, The Cry of the Owl, Il lato positivo, Passage, Conspiracy e Jason Bourne. Ma anche in alcune serie tv come Dexter, Chicago Hope, Blue e Riviera.

Tutto quello che c’è da sapere su Riviera

Julia Stiles Riviera chi è | Vita privata

Laureatasi in letteratura inglese alla Columbia University nel 2005, nel 2010 ha poi ricevuto un riconoscimento onorario annuale assegnato ai cinque alunni della Columbia College per risultati professionali.

In molti non sanno che Julia Stiles ha lavorato per Habitat for Humanity costruendo alloggi in Costa Rica o che ha collaborato con Amnesty International. Un tempo è stata vegana ma, a causa dell’anemia, ha dovuto abbandonare quello stile di vita.

Grande appassionata di calcio e football, Julia Stiles è una fan dei New York Mets.

Della sua vita sentimentale sappiamo che nel 2015 si è legata all’assistente di regia Preston J. Cook con il quale ha lavorato sul set di Go with me. La coppia ha avuto un figlio nel 2017 e in quello stesso anno si sono sposati.

Julia Stiles può contare anche su un account Instagram seguito da oltre 13mila fan.

La trama di Riviera

Il cast al completo di Riviera

Ti potrebbe interessare
Cinema / 007- No Time to Die: di James Bond ormai c’è rimasto solo il nome
Cinema / Venezia 78, Sorrentino: “Al funerale dei miei genitori pochi amici. Oggi c’è tutta la classe che siete voi”
Cinema / Venezia 78, è l’anno buono per far tornare il Leone d’Oro in Italia
Ti potrebbe interessare
Cinema / 007- No Time to Die: di James Bond ormai c’è rimasto solo il nome
Cinema / Venezia 78, Sorrentino: “Al funerale dei miei genitori pochi amici. Oggi c’è tutta la classe che siete voi”
Cinema / Venezia 78, è l’anno buono per far tornare il Leone d’Oro in Italia
Cinema / Amanda Knox contro Matt Damon: “Nel film Stillwater si lascia intendere che io sia un’assassina”
Cinema / Claudia Gerini: “Non ho fatto il vaccino, ho paura delle trombosi”
Cinema / “Terra Mia”: il docufilm di Ambrogio Crespi il 27 luglio a San Luca (Reggio Calabria)
Cinema / Gaffe di Spike Lee: svela in anticipo il nome del film vincitore
Cinema / Cannes, Titane di Julia Ducournau è la Palma d’oro. Standing ovation per Bellocchio
Cinema / Morto Libero De Rienzo: le cause della morte dell’attore
Cinema / La vita di Rocco Casalino diventerà un film: venduti i diritti dell’autobiografia “Il Portavoce”