La nuova campagna pubblicitaria di Black Mirror è virale: “La stagione 6 è il 2020”

Di Cristina Migliaccio
Pubblicato il 9 Giu. 2020 alle 09:56 Aggiornato il 9 Giu. 2020 alle 11:17
137
Immagine di copertina

La nuova campagna pubblicitaria di Black Mirror è virale: “La stagione 6 è il 2020”

La sesta stagione di Black Mirror sta arrivando? Questa è la domanda che ha tormentato Twitter la scorsa settimana e tutto è stato causato da un bizzarro cartellone pubblicitario, apparso a Madrid: uno specchio attaccato a una pensilina degli autobus, in cui riflettere la propria immagine. La scritta in testa recita: “Black Mirror. Sesta Stagione. In diretta ora, ovunque”, in basso poi, ricalcata in rosso, la firma di Netflix. La verità è che il colosso dello streaming non c’entra proprio niente con questa nuova campagna pubblicitaria. L’idea è di quattro studenti della scuola pubblicitaria Brother Ad Madrid (Tito Rocha, Alberto Arribas, Rubén de Blas e Mer Mandrés), che hanno voluto realizzare un progetto scolastico interessante traendo spunto dalla tragica realtà.

È pur vero che ai ragazzi era stato chiesto di realizzare una campagna pubblicitaria adatta al marchio di contenuti streaming che fosse il più reale possibile, per questo i ragazzi hanno optato per Black Mirror, una serie particolare che in genere rappresenta come il mondo potrebbe diventare se plasmato in continuazione dalla tecnologia. Prendendo spunto dalla pandemia che ha messo in ginocchio il mondo, e traendo forse anche spunto dalle parole dello showrunner di Black Mirror (che si era rifiutato di pensare al momento a una sesta stagione, considerando quello che stiamo vivendo già nella vita reale), i ragazzi hanno allora immaginato di catapultare ogni passante in una potenziale puntata di Black Mirror, semplicemente riflettendosi nello specchio: la sesta stagione è il 2020 che, tra pandemie e complotti, ha raggiunto gli standard inquietanti della serie.

“Il giorno dopo l’installazione su Twitter era già entrato in tendenza l’hashtag #blackmirror e da lì è cominciato tutto”, ha raccontato Tito Rocha al giornale spagnolo El Confidencial.

Non è la prima volta che una finta campagna di Netflix diventa virale. Era già capitato qualche mese fa, durante il lockdown, quando due studenti di marketing di Amburgo avevano creato dei finti poster con scritto “Se uscite, spoileriamo”.

Leggi anche:

1. “Hollywood” è quello di cui Netflix aveva bisogno: racconta perché oggi ci manca andare al cinema / 2. Netflix raggiunge 16 milioni di utenti durante l’emergenza Covid-19 / 3. Coronavirus, i cartelloni Netflix con gli spoiler delle serie tv: “Così imparate a rimanere a casa”

137
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.