Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:30
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Spettacoli » TV

Black Mirror 5, ecco quando arriverà su Netflix | VIDEO

Immagine di copertina

BLACK MIRROR 5 – Arriva la nuova e attesissima stagione di Black Mirror, la serie antologica firmata Netflix prodotta da Charlie Brooker che finalmente ha una data: preparate i televisori, perché Black Mirror arriva il 5 giugno 2019.

Ambientato nel futuro, Black Mirror è ispirato al mondo di oggi e ripropone problemi d’attualità coniugati all’evoluzione della tecnologia, con un occhio di riguardo per i media (non a caso, il titolo della serie televisiva si rifà allo schermo nero della televisione).

Ogni episodio di Black Mirror è auto-conclusivo, ciò significa che il telespettatore può seguire la serie nell’ordine che preferisce (anche invertendo le stagioni). Il filo conduttore che unisce le stagioni – e gli episodi – è l‘evoluzione delle nuove tecnologie, come siamo assuefatti da esse e quali sono gli effetti collaterali sull’essere umano.

Cosa aspettarsi da questa quinta stagione? Il trailer pubblicato da Netflix ci presenta tre nuove storie di Black Mirror. Una tra queste è animata da Miley Curys, cantante-attrice conosciuta per l’esordio in Hannah Montana e che in Black Mirror interpreta Ashley O, una cantante in difficoltà che non tollera il mondo circostante.

“Si tratta della storia delle donne nell’industria musicale. Capisco che tutti hanno affrontato le stesse cose, ma penso che le donne… per noi sia più difficile essere considerate seriamente. Le persone pensano che se non stai indossando una tuta aderente e cantando brani pop nessuno vorrebbe vederti esibire”, ha dichiarato Miley Cyrus durante un’intervista alla trasmissione radiofonica Newsbeat di BBC.

black mirror

Nonostante la storia sia molto vicina alla realtà, quella narrata in Black Mirror non è comunque la storia della Cyrus la quale ha però ammesso: “Amiamo tutto dell’oscurità della tecnologia. Io lo amo”.

Dopo Black Mirror: Bandersnatch, l’episodio interattivo di Netflix, Charlie Brooker ha spiegato che potrebbe essere interessato a replicare l’esperienza producendo un altro episodio con la stessa formula.

“Mentre stavamo creando Bandersnatch, continuavamo a ripeterci ‘non lo faremo mai più’. Proprio come per un parto, conoscendo e quindi controllando il dolore, ho poi pensato che una seconda volta potrebbe esserci, in effetti. Alla fine pensavo infatti ‘aspettate, ho un’idea’. È sicuramente qualcosa che farei di nuovo e so che ci sono molti modi di affrontarla”, ha dichiarato Brooker a Hollywood Reporter.

Black Mirror 5 vi aspetta il 5 giugno 2019 su Netflix.

Ti potrebbe interessare
TV / Isola dei Famosi 2022, vincitore: chi ha vinto la finale di oggi, 27 giugno
TV / Isola dei Famosi 2022, eliminati: chi è stato eliminato oggi, 27 giugno
TV / Report: le anticipazioni della puntata di stasera, 27 giugno 2022, su Rai 3
Ti potrebbe interessare
TV / Isola dei Famosi 2022, vincitore: chi ha vinto la finale di oggi, 27 giugno
TV / Isola dei Famosi 2022, eliminati: chi è stato eliminato oggi, 27 giugno
TV / Report: le anticipazioni della puntata di stasera, 27 giugno 2022, su Rai 3
TV / Quarta Repubblica: ospiti e anticipazioni stasera, 27 giugno 2022
TV / Ben is Back: tutto quello che c’è da sapere sul film
TV / Isola dei Famosi 2022 streaming e diretta tv: dove vedere la finale, 27 giugno
TV / Zlatan: tutto quello che c’è da sapere sul film su Ibrahimovic
TV / Isola dei Famosi 2022: le anticipazioni sulla puntata di oggi, 27 giugno
TV / Ascolti tv domenica 26 giugno: Mina Settembre, Tornare a vincere, Kilimangiaro Estate
TV / Perché il TG1 va in onda in forma ridotta: il motivo dello sciopero Rai