Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 09:06
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Spettacoli » Sanremo 2019

Sanremo 2019, altro che non amato dal popolo: Mahmood è primo in tutte le classifiche

Immagine di copertina

SOLDI MAHMOOD PRIMO CLASSIFICHE ASCOLTI – Nella controversa serata finale di Sanremo 2019 ha ottenuto solo il 14,1 per cento dei voti del pubblico da casa, contro il 39,4 per cento de Il Volo e soprattutto il 46,5 per cento di Ultimo, che si è sentito defraudato di una vittoria che sembrava scontata alla vigilia del Festival.

Ma guai a far passare l’idea che Mahmood, il giovane milanese con padre egiziano che si è aggiudicato un po’ a sorpresa l’edizione numero 69 di Sanremo, non sia apprezzato dal pubblico.

Nonostante le polemiche di questi giorni, infatti, la sua canzone “Soldi” (qui il testo del brano) si trova al primo posto in tutte le classifiche: Apple Music, iTunes, Earone e Spotify.

All’interno di quest’ultima piattaforma, tra l’altro, Mahmood è entrato anche nella Top50 Globale di Spotify, alla posizione numero 40. Una soddisfazione doppia, visto che il posto in graduatoria gli garantisce anche il record come brano italiano con l’ingresso più alto di sempre nella classifica mondiale.

LEGGI ANCHE: Le polemiche di Ultimo: “Ecco perché dovevo vincere”

Nella Top50 Globale Mahmood è l’unico italiano: non c’è traccia, ad esempio, de “I tuoi particolari” di Ultimo. Nella Top50 Italia, invece, il cantante romano segue a ruota il vincitore del Festival.

La canzone “Soldi”, scritta dallo stesso rapper insieme ai compositori Charlie Charles (autore delle basi degli ultimi successi di Ghali e Sfera Ebbasta) e Dardust (lo stesso che ha prodotto l’ultimo album dei TheGiornalisti, “Love”), “parla di soldi non a livello materiale, ma di come possono cambiare i rapporti all’interno di una famiglia” a causa del denaro, ha spiegato lo stesso cantante in un’intervista. Al centro del brano anche la relazione di Mahmood con il padre, che se ne è andato senza mai più tornare.

Il singolo “Soldi”, in concorso a Sanremo 2019, anticipa il primo album ufficiale di Mahmood, “Gioventù Bruciata”, in uscita il 1 marzo per Island Records. All’interno del disco non solo nuovi inediti, ma anche le canzoni contenute nel primo Ep pubblicato dall’artista nel 2018.

LEGGI ANCHE: Tutto su Sanremo 2019

Oltre alla carriera da solista, proseguirà anche l’attività di Mahmood come autore di testi per altri artisti: già in passato, infatti, il cantante ha scritto e cantato con Fabri Fibra, Michele Bravi, Elodie, Marco Mengoni e Guè Pequeno, con cui ha anche condiviso il palco dell’Ariston nella serata dei duetti.

Ti potrebbe interessare
Musica / Morto Charlie Watts, batterista dei Rolling Stones
Musica / Il cantante degli Ex Otago: “Devo ritrovare serenità”
Musica / De Gregori difende Salmo: “Gli sono grato. Ingiuste le limitazioni per i concerti”
Ti potrebbe interessare
Musica / Morto Charlie Watts, batterista dei Rolling Stones
Musica / Il cantante degli Ex Otago: “Devo ritrovare serenità”
Musica / De Gregori difende Salmo: “Gli sono grato. Ingiuste le limitazioni per i concerti”
Musica / Salmo: “Ecco perché ho fatto il concerto contro le regole. Fedez, mi stai sul c**zo”
Musica / “Promuovi La Tua Musica”, il 12 settembre a Roma la prima tappa del contest
Musica / Justin Bieber scrive a Simone Biles: “So cosa significa guadagnare il mondo ma perdere la propria anima”
Musica / Rovazzi ha perso il tocco magico
Musica / I Maneskin sono primi al mondo su Spotify: su Instagram le loro foto da bambini
Musica / Antonello Venditti: “Io, bullizzato fino ai 16 anni, ho pensato al suicidio. Il ddl Zan ce l’ho dentro”
Musica / Riccardo Muti: “Sono stanco della vita. Dal MeToo alla musica, non è più il mio mondo”