Me

Sanremo 2019, Paola Cortellesi non sarà sul palco dell’Ariston: “Ho dovuto declinare la proposta”

Di Anton Filippo Ferrari
Pubblicato il 25 Gen. 2019 alle 10:47 Aggiornato il 4 Feb. 2019 alle 15:27
Immagine di copertina

SANREMO 2019 PAOLA CORTELLESI – Niente Festival di Sanremo 2019 per Paola Cortellesi. La popolare attrice italiana ha smentito di essere tra gli ospiti della kermesse canora al via a inizio febbraio dove il direttore artistico Claudio Baglioni l’avrebbe fortemente voluta prima in veste di presentatrice poi di ospite.

> QUI TUTTO QUELLO CHE C’È DA SAPERE SU SANREMO 2019

“Avrei avuto molto piacere di raggiungere i miei amici sul palco di Sanremo – le sue parole all’AdnKronos -. Già qualche mese fa, quando il mio amico Claudio Baglioni mi aveva invitato a far parte della sua squadra, per impegni già presi, a malincuore, ho dovuto declinare la proposta. Purtroppo, le riprese del film (quello che sta girando con il marito Riccardo Milani e che uscirà il 18 aprile, ndr.) non mi consentono di partecipare”.

Quando va in onda il Festival di Sanremo 2019? La kermesse canora, tra le più famose e longeve al mondo, giunta alla sua 69esima edizione, va in onda dal 5 al 9 febbraio 2019 in prima serata su Rai 1. La direzione artistica – dopo il grande successo della passata edizione – è stata nuovamente affidata a Claudio Baglioni.

“Da febbraio c’è stato un vero e proprio corteggiamento – ha confessato nel momento dell’annuncio, a luglio, il direttore generale della Rai Mario Orfei – e non poteva essere altrimenti considerato il successo di critica e di pubblico e i record ottenuti nella sua prima volta da direttore del Festival”.

Baglioni, classe 1951, nel 2018 ha dimostrato tutte le sue competenze costruendo un Festival trasversale e popolare, che è risultato uno dei più apprezzati degli ultimi anni.

“Ho preso questa direzione artistica come una missione”, ha dichiarato Baglioni che, commentando poi le scelte per i big del 2019, ha confermato: “Quest’anno abbiamo cercato di fare una mostra che rispecchi la vitalità della musica italiana, da quella che si ascolta in radio a quella che si fa strada sul web, a quella che si va a sentire nei locali”.