Me

Festival di Sanremo 2019: ecco i primi big in gara. Einar trionfa tra i giovani

Di Antonio Scali
Pubblicato il 21 Dic. 2018 alle 08:52 Aggiornato il 4 Feb. 2019 alle 15:30
Immagine di copertina

Sanremo 2019 big | Cantanti | Pippo Baudo | Rovazzi | Einar | Bertè | Turci | Baglioni

SANREMO 2019 BIG – La 69esima edizione di Sanremo si avvicina. Sono stati annunciati, infatti, nel corso della trasmissione Sanremo Giovani condotta da Pippo Baudo e Fabio Rovazzi, i nomi dei primi dodici finalisti che si scontreranno a febbraio 2019 sul palco dell’Ariston.

I cosiddetti big sono stati estratti a gruppi di tre da un bussolotto, molto simile a quello usato per le estrazioni del Lotto.

I primi cantanti ad essere stati annunciati sono Paola Turci con “L’ultimo ostacolo”, gli Zen Circus con “L’amore è una dittatura” e il grande ritorno a Sanremo di Simone Cristicchi che canterà “Abbi cura di me”.

Nel corso della puntata, poi sono stati estratti altri nove nomi: Anna Tatangelo con “Le nostre anime di notte”, Loredana Bertè “Cosa ti aspetti da me”, Irama e “La ragazza col cuore di latta”, Nek che torna al festival con “Mi farò trovare pronto”, un po’ di rap con Ghemon e “Rose viola”, l’indie di Motta con “Dov’è l’Italia”. Ultimo, vincitore dello scorso Sanremo Giovani sarà tra i big con “I tuoi particolari” e il trio de Il Volo tornerà a gareggiare con “Musica che resta”.

Il dodicesimo cantante che calcherà il palco dell’Ariston dal 5 al 9 febbraio 2019 è Einar, che ha vinto la sfida tra i giovani.

Gli altri dodici finalisti verranno annunciati durante la seconda puntata di Sanremo Giovani, in onda su Rai 1 il 21 dicembre 2018 in prima serata.

I giornalisti, inoltre, hanno assegnato il premio della critica a Federica Abbate.

Rovazzi e Baudo hanno condotto con leggerezza e sano intrattenimento una trasmissione gradevole da guardare.

Si può dire vinta, dunque, la scommessa di Claudio Baglioni che ha puntato su una coppia all’apparenza così eterogenea.

Dopo il successo della passata edizione di Sanremo, Baglioni è stato confermato direttore artistico del Festival.

A giudicare i ragazzi nella due giorni di Sanremo Giovani, che ieri ha visto trionfare Einar, una giuria composta da Luca Barbarossa con Fiorella Mannoia, Annalisa, Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu, oltre a una commissione tecnica presieduta dallo stesso Baglioni.

Immancabile, ovviamente, il televoto da casa.