Coronavirus:
positivi 13.428
deceduti 34.938
guariti 194.273

Ron Jeremy, il re del porno accusato di stupro da quattro donne: rischia l’ergastolo

Di Marco Nepi
Pubblicato il 24 Giu. 2020 alle 11:03 Aggiornato il 24 Giu. 2020 alle 11:03
109
Immagine di copertina

Ron Jeremy, il re del porno arrestato per stupro: denunciato da quattro donne

Ron Jeremy, conosciuto come il re del porno, è stato arrestato a 67 anni perché accusato di stupro da quattro donne. Gli episodi coprono un periodo che va dal 2014 al 2019: le donne che hanno mosso l’accusa all’epoca del presunto stupro avevano dai 25 ai 46 anni.  La stella dei film porno è finito in galera a Los Angeles e rischia 90 anni di prigione. L’incriminazione è stata formulata dal procuratore della contea di Los Angeles Jackie Lacey.

Secondo l’accusa, uno stupro sarebbe stato commesso nel 2014 a casa sua (a Los Angeles), gli altri tre casi invece in un bar di Hollywood tra il 2017 e il 2019. In caso di condanna, il porno attore potrebbe trascorrere il resto della sua vita dietro le sbarre. La pubblica accusa ha richiesto che la cauzione fosse fissata per 6,6 milioni di dollari, come riporta la BBC.

Ron Jeremy – pseudonimo per Ronald Jeremy Hyatt – è stato definito il migliore al mondo nel suo campo nel 2003, è stato tra i primi porno-attori ad inserire toni comici nei film hard e sul curriculum vanta oltre duemila film con cameo, anche di recente. Il debutto è arrivato nel 1979 con il film “Inside Seka” e tra i suoi film più celebri spunta “Cicciolina e Moana ai mondiali” e “Concetta Licata”. L’attore ha sempre fatto del suo aspetto estetico la sua forza: si definiva “basso, grasso e peloso” ed era soprannominato “il porcospino”.

Leggi anche:

1. Danny Masterson arrestato per stupro: rischia il carcere a vita / 2. Perugia, 15enne denuncia stupro in pieno centro: “Violentata da un amico con cui era andata a bere” / 3. Chris D’Elia, il comico pedofilo della serie “You” è accusato (nella realtà) di aver adescato minorenni

109
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.