Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:35
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Spettacoli » Musica

Perché finiamo per detestare le canzoni che ci piacciono dopo averle ascoltate troppo

Immagine di copertina
Perché finiamo per detestare le canzoni che ci piacciono dopo averle ascoltate troppo? Credit: Pixabay

Tutti conoscono la sensazione di amare una canzone al punto di ascoltarla ininterrottamente, e tutti sanno che la conseguenza è finire per detestarla

È successo a tutti, almeno una volta nella vita, di ascoltare una canzone così tante volte da finire per detestarla.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Ai più fortunati capita con una canzone di tendenza in un determinato periodo, ma ad altri può succedere anche con la propria canzone preferita.

Qualunque sia la melodia, una volta trasformatasi da “preferita” a “odiata”, non si può più tornare indietro.

Se ti piace questa notizia, segui TPI Pop direttamente su Facebook

Ma in quale momento cominciamo a odiare una canzone per averla ascoltata troppo?

A questo quesito ha risposto la psicologa spagnola Amaya Terrón, durante una intervista telefonica con Verne, affermando che la sovraesposizione a un determinato stimolo lo svuota del suo significato originario.

“La spiegazione psicologica per cui una canzone che ci piace finisce per essere noiosa risiede nell’assuefazione. Stimolando in eccesso i centri del piacere, lo stimolo perde il suo potenziale evocativo”, ha spiegato.

Questo accade con qualsiasi cosa, e non solo nell’ambito musicale: se, ad esempio, una persona che ama la cioccolata ne mangiasse troppa, con tutte le probabilità in seguito la eviterebbe volentieri.

In psicologia, l’abitudine viene utilizzata per superare le paure, ma il tempo per abituarsi – o stancarsi – di qualcosa varia da persona a persona.

“Funziona con gli stimoli buoni e con quelli cattivi. Nella terapia, il paziente viene esposto a poco a poco a situazioni che gli causano paura, fino al momento in cui le supera. Dopotutto, si tratta di abituarsi a qualcosa”, ha continuato la psicologa.

Meglio ascoltare canzoni che si conoscono poco

Secondo quanto riporta l’Independent, i neurologi credono che il cervello attraversi due stadi quando si ascolta una canzone che ci piace: il nucleo caudato del cervello anticipa la nostra parte preferita di una canzone, mentre il nucleus accumbens innesca l’eccitazione, causando il rilascio di endorfine.

Dunque, più conosciamo una canzone, meno il nostro cervello si eccita quando anticipiamo la melodia nella nostra mente, secondo Michael Bonshor, esperto in psicologia musicale e dottore all’università di Sheffield, nel Regno Unito.

“Gli esperimenti hanno dimostrato che apprezziamo meno una cosa, quando la conosciamo molto bene”.

Un altro fattore importante è la base della canzone: meno è comune la struttura di una canzone, più è probabile che lo stimolo continui a risvegliarsi con il passare del tempo.

Un altro motivo per cui finiamo per odiare alcune canzoni

Si può finire per detestare una canzone anche perché il nostro cervello la associa a un brutto momento, o a un brutto ricordo.

“È definito condizionamento: associamo uno stimolo a una persona. Può essere un luogo, una data o una canzone. […] Se la nostra considerazione di quella persona cambia, cambierà anche la sensazione che ci stimola la canzone”, spiega Terrón.

La soluzione per riconciliarsi con la propria canzone preferita

Se hai iniziato a odiare la tua canzone preferita, c’è un modo per ricominciare ad apprezzarla.

“Se passi un po’ di tempo senza ascoltare la canzone, rimarrai sorpreso e ti piacerà di nuovo quando lo ascolterai”, ha aggiunto la psicologa.

Liberarsi del problema della sovraesposizione per fare in modo di apprezzare nuovamente qualcosa è più semplice rispetto al tentativo di dissociarlo da un’esperienza negativa, cosa per cui sono necessari più tempo e pazienza.

Se questa notizia ti è piaciuta, abbiamo creato una pagina Facebook apposta per te: segui TPI Pop

Ti potrebbe interessare
Costume / Orietta Berti a TPI: “Mi vogliono tutti perché faccio audience”
Musica / Morto Charlie Watts, batterista dei Rolling Stones
Musica / Il cantante degli Ex Otago: “Devo ritrovare serenità”
Ti potrebbe interessare
Costume / Orietta Berti a TPI: “Mi vogliono tutti perché faccio audience”
Musica / Morto Charlie Watts, batterista dei Rolling Stones
Musica / Il cantante degli Ex Otago: “Devo ritrovare serenità”
Musica / De Gregori difende Salmo: “Gli sono grato. Ingiuste le limitazioni per i concerti”
Musica / Salmo: “Ecco perché ho fatto il concerto contro le regole. Fedez, mi stai sul c**zo”
Musica / “Promuovi La Tua Musica”, il 12 settembre a Roma la prima tappa del contest
Musica / Justin Bieber scrive a Simone Biles: “So cosa significa guadagnare il mondo ma perdere la propria anima”
Musica / Rovazzi ha perso il tocco magico
Musica / I Maneskin sono primi al mondo su Spotify: su Instagram le loro foto da bambini
Musica / Antonello Venditti: “Io, bullizzato fino ai 16 anni, ho pensato al suicidio. Il ddl Zan ce l’ho dentro”