Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:26
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Spettacoli » Musica

REPORTAGE TPI | Una giornata con Morgan: “La mia battaglia per salvare la casa di Giuseppe Verdi”

Immagine di copertina
Credit: Roberto Dassoni/TPI

Morgan racconta a TPI la sua personale battaglia affinché lo Stato salvi il patrimonio del musicista: "Perché lo Stato dia le sovvenzioni che da più di 20 anni non dà". Un tour dei luoghi verdiani da Roncole, dove si trova la casa natale del compositore, fino a Busseto a Casa Barezzi, dove Verdi iniziò a suonare il pianoforte

Reportage TPI – Una giornata con Morgan nei luoghi di Giuseppe Verdi

Villanova sull’Arda (Piacenza) – Incursione di Morgan alla Villa-museo di Giuseppe Verdi, dove è arrivato per sostenere la raccolta fondi per scongiurarne la chiusura. “Quando Duchamp mise i baffi alla Gioconda iniziò l’epoca del post-moderno. Io mettendo la mascherina a Giuseppe Verdi lo riporto a vivere in mezzo a noi” ha dichiarato. “Da oggi inizia la mia battaglia per la casa di Verdi, perché lo Stato dia le sovvenzioni che da più di 20 anni non dà”, aggiunge.

morgan giuseppe verdi
Credit: Roberto Dassoni/TPI

“Un patrimonio, un museo, uno dei pochi luoghi integralmente conservati in ogni dettaglio, a tal punto che nelle stanze si respira il profumo della storia, e dell’arte, dove olezza tiepida e molle l’aura dolce del suol natal. Ma questo non va bene. Facciamo qualcosa. Leviamo la voce”, continua l’artista.

Per l’intera giornata l’autore di Altrove è stato ospitato sia dagli eredi, che a casa Barezzi a Busseto (Parma) dall’associazione Amici di Verdi, per dare il suo contributo alla salvaguardia della memoria del compositore italiano più famoso nel mondo.

 

In serie, ha messo la mascherina al busto del Maestro, si è vestito “alla Verdi”, si è sdraiato sul letto di Giuseppina Strepponi (la moglie), ha cantato il Va pensiero con l’ukulele su una delle carrozze e l’ha poi concluso al pianoforte a casa Barezzi dove il compositore iniziò la sua carriera e si è improvvisato cicerone.

La performance diffusa lungo l’arco della giornata è stata finalizzata alla campagna di crowdfunding alla quale tutti possono contribuire con una piccola donazione. Morgan, dal canto suo, ha dichiarato di aver già trovato chi potrà riparare i pianoforti – che attualmente sono inutilizzabili – dove vennero composti il Nabucco, il Rigoletto e tante altre liriche indimenticabili.

Foto di Roberto Dassoni

Ti potrebbe interessare
Cultura / De Masi a TPI: “L’Italia ha bisogno di un pronto soccorso culturale”
Cultura / “Il nostro futuro siamo noi”: L’a.d. di Fastweb Alberto Calcagno spiega a TPI come preparare i giovani alle nuove professioni
Cultura / La lezione di Edith Bruck: “Facciamo pace con il mondo”
Ti potrebbe interessare
Cultura / De Masi a TPI: “L’Italia ha bisogno di un pronto soccorso culturale”
Cultura / “Il nostro futuro siamo noi”: L’a.d. di Fastweb Alberto Calcagno spiega a TPI come preparare i giovani alle nuove professioni
Cultura / La lezione di Edith Bruck: “Facciamo pace con il mondo”
Cultura / Bob Dylan al MAXXI: a Roma la prima retrospettiva in Europa dedicata alle opere di arte visiva del cantautore
Cultura / Grande anima, la presentazione dell’opera del progetto di collaborazione di Cultura Italiae con Aeroporti di Roma
Cultura / La magnifica porta. Un paese chiamato Afghanistan: il libro di Duilio Giammaria
Cultura / Alessandro Bergonzoni a TPI: “Col dolore si deve scherzare”
Cultura / La new wave della destra: viaggio nella cultura di Meloni & Co.
Cultura / Quanto siete disposti a spendere per un abito di lusso?
Cultura / Perché scegliere un’università telematica? Ecco tutte le ragioni