Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:30
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Gli Eagles of Death Metal omaggiano le vittime del Bataclan a due anni dalla strage

Immagine di copertina
Credit: Afp

Il cantante Jesse Hughes e il chitarrista Dave Catching sono stati gli ospiti a sorpresa di una cerimonia organizzata nella zona est della capitale francese da alcuni sopravvissuti della sera del 13 novembre 2015

Due componenti degli Eagles of Death Metal, la band statunitense che si trovava sul palco del Bataclan la sera dell’attacco terroristico del 13 novembre 2015, sono tornati a Parigi per rendere omaggio alle vittime nel secondo anniversario della strage che costò la vita a 90 persone solo nella storica sala concerti nell’undicesimo arrondissement e ad altre 40 in quattro bistrot e allo Stade de France a Saint-Denis.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Il cantante Jesse Hughes e il chitarrista Dave Catching sono stati gli ospiti a sorpresa di una cerimonia organizzata nella zona est della capitale francese da alcuni sopravvissuti del Bataclan.

Per l’occasione, Hughes e Catching hanno proposto al pubblico una cover di “Save a Prayer”, uno dei brani più popolari dei Duran Duran, pubblicato nel 1982 e reinterpretato dalla band statunitense nell’album “Zipper Down” del 2015.

A margine dell’esibizione, Jesse Hughes ha parlato con i giornalisti: “Abbiamo visto persone sacrificare la loro vita per salvare amici, e adesso è nostra responsabilità fare in modo che tutti nel mondo sappiano che un tipo di amore così grande ancora esiste”.

L’anno scorso, alla riapertura del Bataclan, il cantante degli Eagles of Death Metal sarebbe stato allontanato dal personale del locale a causa di una serie di dichiarazioni controverse riguardo le responsabilità della security nell’attentato.

Le successive scuse di Hughes, che ha negato il fatto di aver provato a rientrare nel locale dopo la serata del 13 novembre 2015, sono state respinte da Jules Frutos, condirettore del Bataclan, che ad Afp disse: “Alcune cose non possono essere perdonate.”

Ti potrebbe interessare
Esteri / Arabia Saudita: Mohammed bin Salman rimpiazza il padre e diventa Primo Ministro
Esteri / L’ambasciata Usa a Mosca ha chiesto ai cittadini americani di lasciare subito la Russia
Esteri / Minaccia nucleare, bando urgente di Mosca per l’acquisto di ioduro di potassio
Ti potrebbe interessare
Esteri / Arabia Saudita: Mohammed bin Salman rimpiazza il padre e diventa Primo Ministro
Esteri / L’ambasciata Usa a Mosca ha chiesto ai cittadini americani di lasciare subito la Russia
Esteri / Minaccia nucleare, bando urgente di Mosca per l’acquisto di ioduro di potassio
Esteri / Ucraina, referendum in Donbass: vincono i sì con oltre il 90%
Esteri / Iran, la minaccia della polizia per piegare la rivoluzione: “Useremo tutta la forza”
Esteri / La provocazione di Putin: Edward Snowden diventa cittadino russo
Esteri / Gas, perdite nei gasdotti Nord Stream 1 e 2: “Danni deliberati”
Esteri / Patrick Zaki, ipotesi prolungamento processo
Esteri / In fuga da Putin, le autorità della Finlandia: “Oltre 7mila russi entrati lunedì dalla frontiera”
Esteri / Medvedev: “La Russia ha il diritto di usare le armi nucleari se necessario, la Nato non interferirà”