Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Spettacoli

La Firenze secondo Matteo Renzi: arriva in tv il documentario dell’ex premier

Immagine di copertina

Il docufilm dell'ex segretario Pd è scritto e prodotto da Lucio Presta e racconta le bellezze del capoluogo toscano

La Firenze secondo Matteo Renzi: arriva in tv il documentario dell’ex premier

Documentario Renzi – Mediaset, Netflix, Sky. Da tutte e tre l’ex premier Matteo Renzi ha ricevuto un sonoro “no” per la messa in onda del suo documentario, che alla fine verrà trasmesso in prima serata sul Nove a partire da sabato 15 dicembre.

Il suo nome è “Firenze secondo me” ed è appunto il docufilm in cui l’ex segretario del Partito democratico racconta in prima persona le bellezze della città di cui è stato sindaco dal 2009 al 2014.

Nato da un’idea di Lucio Presta, che lo ha scritto insieme a Sergio Rubino e che lo ha anche prodotto e distribuito con la sua Arcobaleno Tre, il nuovo programma va in onda in quattro puntate, come anticipato, da sabato 15 dicembre alle 21.25. Ogni puntata dura ben 90 minuti ed è ancora al vaglio l’ipotesi di distribuirlo anche all’estero.

“Firenze secondo me” passerà in rassegna tutte le meraviglie artistiche e culturali del capoluogo toscano: Palazzo Vecchio, la basilica di Santa Croce, Palazzo Pitti, gli Uffizi, il corridoio del Vasari, il Giardino di Boboli e altri luoghi simbolo di una delle città più visitate di sempre.

Naturalmente tutti i luoghi della città saranno descritti dal suo ex sindaco, che con le riprese di questo programma ha fatto incassare 6 mila euro alle casse del comune.

Così, dopo anche la “burla” – come la chiamerebbe lui – preparata dal programma tv di Canale 5 Scherzi a Parte, in cui hanno fatto credere all’ex presidente del Consiglio che il documentario non si sarebbe più girato, Renzi può ora rivedersi come protagonista sul piccolo schermo.

È infatti stato lui stesso a promuovere il programma, condividendo sulla sue pagine social – Facebook e Twitter – i primi due minuti della puntata di sabato 15 dicembre.

“Per me è un sogno che si realizza dopo settimane di lavoro. Grazie a chi ha reso possibile questo progetto. Questi sono i primi due minuti, un semplice assaggino”, ha commentato l’ex segretario Pd sempre nel post sulla sua pagina social.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI