Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:49
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Spettacoli

Covid: è morto Stefano D’Orazio, il batterista dei Pooh

Immagine di copertina
Stefano D’Orazio, il batterista dei Pooh

Era ricoverato a Roma da una settimana in terapia intensiva, dopo aver contratto il Covid-19

Era la follia, l’estro, la simpatia della band italiana più longeva. Se n’è andato, a 72 anni, Stefano D’Orazio, il batterista dei Pooh.

Era ricoverato a Roma da una settimana in terapia intensiva, dopo aver contratto il Covid-19. Gli ex compagni di lavoro hanno taciuto la cosa per discrezione e nella speranza che le sue condizioni migliorassero, come sembrava in un primo tempo. Ma la situazione nelle ultime ore è precipitata.

L’annuncio della sua morte l’ha dato su Twitter l’amico Bobo Craxi; notizia che è stata poi confermata anche sull’account ufficiale del complesso bolognese che aveva festeggiato i 50 anni di carriera con un tour lungo più di un anno e conclusosi a Casalecchio di Reno il 30 dicembre 2016.

D’Orazio, romanissimo, sferzante e sagace, dalla battuta sempre pronta, storico tombeur de femmes (fece molto parlare i rotocalchi la sua lunga relazione con la conduttrice Emanuela Follerio), aveva già lasciato i Pooh, a sopresa, pochi anni prima, per godersi la vita e dedicarsi ad altri progetti, ma era tornato (insieme con il recuperato Riccardo Fogli) proprio per la tournée del cinquantennale.

Nell’economia della formazione, oltreché autore di molti pezzi memorabili fu anche a lungo “tesoriere”. Si occupava cioè spesso di tutelare gli interessi commerciali del gruppo e gli investimenti di quella che è stata a lungo una vera e propria società.

E se la voce dei Pooh era rappresentata dal tastierista Roby Facchinetti (col quale pochi mesi fa D?orazio ha scritto, ironia della sorte, “Rinascerò, rinascerai”, un inno dedicato alla città di Bergamo fiaccata dalle morti per Covid); se Dodi Battaglia, oltre a comporre, suonava la chitarra come pochi altri, e Red Canzian, oltre a dedicarsi al basso era l’addetto alle pubbliche relazioni della formazione, il batterista D’Orazio veniva spesso definito dagli altri “il nostro cassiere”.

L’amico Dodi Battaglia lo definiva così: «La persona più simpatica che conosca: intelligente, con mille attività e interessi. Ecco, a volte, portandone avanti così tanti tutti insieme, non sempre alcuni arrivano a definirsi».

Ti potrebbe interessare
Musica / “Bella Ciao ha rotto il ca**o”: Rocco Tanica travolto dalle polemiche sui social
Musica / Rissa al concerto dei Maneskin, Damiano ferma lo show: “No alla violenza” | VIDEO
Musica / Dj Ringo contro tutti: “I Maneskin? Terrificanti. La canzone di Fedez e Salmo la poteva fare Orietta Berti”
Ti potrebbe interessare
Musica / “Bella Ciao ha rotto il ca**o”: Rocco Tanica travolto dalle polemiche sui social
Musica / Rissa al concerto dei Maneskin, Damiano ferma lo show: “No alla violenza” | VIDEO
Musica / Dj Ringo contro tutti: “I Maneskin? Terrificanti. La canzone di Fedez e Salmo la poteva fare Orietta Berti”
Musica / Morto il cantante Aaron Carter, fratello di Nick dei Backstreet Boys: aveva 34 anni
Musica / Ligabue positivo al covid: saltano i concerti al Bataclan di Parigi e a Londra
Musica / Justin Bieber sta male: arriva lo stop definitivo al tour mondiale
Musica / Perché Dargen D’Amico porta sempre gli occhiali da sole
Musica / Lady Gaga scoppia in lacrime sui social dopo un concerto: “Ci abbiamo provato” | VIDEO
Musica / Tiziano Ferro: “I miei figli non avranno il passaporto italiano perché esclude mio marito”
Musica / Emma Marrone scrive ai fan dopo la morte del papà Rosario