Covid ultime 24h
casi +28.352
deceduti +827
tamponi +222.803
terapie intensive -64

No Amadeus, la bellezza non è un merito. A Sanremo stai mortificando le donne

Di Elisa Serafini
Pubblicato il 16 Gen. 2020 alle 12:23 Aggiornato il 16 Gen. 2020 alle 14:19
29k
Immagine di copertina

“Francesca ad esempio è una ragazza molto bella, sappiamo ovviamente essere la fidanzata di un grande Valentino Rossi, ma è stata scelta da me perché… vedevo che… intanto la bellezza… ma la capacità di stare vicino a un grande uomo stando un passo indietro (…). Mi piaceva essere il primo a portarla sul palco di Sanremo”.

Così Amadeus ha introdotto Francesca Sofia Novello, modella e una delle co-conduttrici del Festival di Sanremo 2020.

Sanremo 2020, Amadeus sulla fidanzata di Valentino Rossi: “Ragazza molto bella, sta un passo indietro a un grande uomo”

Queste parole sono stranamente passate inosservate dai media nazionali. In pochi hanno notato lo svilimento culturale assegnato da Amadeus a questa donna, i cui meriti per presentare Sanremo sono, a detta dello stesso conduttore, la bellezza e l’essere fidanzata con un uomo importante, stando “un passo indietro”.

Certo, sia mai che le donne possano salire sul palco di Sanremo (che è, tra l’altro, un concorso di merito) per meriti: Amadeus in 46 secondi riesce a ripetere la parola “bella” o bellezza 3 volte. Merito, o bravura, non pervenuti.

Non solo, la povera Francesca Sofia Novello, oltre ad avere il “merito” di stare un passo dietro a Valentino Rossi (ma che ne sa Amadeus?) viene anche percepita come un soggetto totalmente passivo, che viene “portata sul palco da lui, che è il primo a farlo”.

Forse Amadeus non è consapevole del fatto che la bellezza non è un merito, ma un patrimonio che esiste per casualità biologica e, come ogni patrimonio, al massimo può essere valorizzato e conservato da disciplina e metodo.

Promuovere la bellezza come un merito, in un concorso di merito, è un errore culturale enorme, che riporta l’Italia in un’epoca arcaica. Su questo tema si è scatenata anche l’influencer e divulgatrice di temi di economia e politica Imen Jane, molto popolare tra i giovanissimi utenti di Instagram.

“Prima l’estetica e poi il contenuto. Sia mai che qualche ragazza che vi guarda pensi che una donna nel 2020 possa fare l’imprenditrice senza passare per reality o diventare una giornalista di successo senza sfoderare il suo davanzale ai quattro venti. Continuiamo a raccontare alle donne che per fare carriera devono prima pensare a farsi belle, magari trovarsi un fidanzato ricco e famoso e fare anche un passo indietro”.

Visualizza questo post su Instagram

Egregi responsabili @sanremorai, dal momento che ci obbligate tutti quanti noi a pagare in bolletta quel carrozzone senza fondo della Rai con la scusa di farci un servizio pubblico, ci fate almeno il piacere di spiegarci DOVE STA IL SERVIZIO PUBBLICO QUI DENTRO? È questo il messaggio che vuole trasmettere “l’azienda culturale più importante del Paese” come vi autodefinite così pomposamente? Prima l’estetica e poi il contenuto? Se il contenuto c’è, bene. Se non c’è, pazienza. Chiara Ferragni e Rula Jebreal no, ma le fidanzate di Valentino Rossi e Cristiano Ronaldo sì. Sia mai che qualche ragazza che vi guarda con occhi sognatori dalla provincia di Varese pensi che una donna nel 2020 possa fare l’imprenditrice senza passare per Temptation Island o che possa fare la giornalista di successo senza sfoderare il suo davanzale ai quattro venti in prima visione. Perché se Chiara Ferragni è moglie di Fedez, è solo un di più. Se Rula Jebreal è anche una giornalista bellissima, è solo un di più. Ma no dai. Continuiamo pure a raccontare alle donne che per fare carriera devono prima pensare a farsi belle, magari trovarsi un fidanzato ricco e famoso e fare anche UN PASSO INDIETRO. Non oscuriamo il suo successo. Annullati tu piuttosto. Stai sempre un passo dietro di lui. Avete deciso che il vostro target è l’italiano medio che si eccita con due poppe al vento? BENE. Allora non avrete me. Non vi cambierò magari nulla, ma almeno potrò dire di non aver alimentato questo baraccone. Perché le cose da sole non cambiano. E se stiamo tutti zitti vuol dire che va tutto bene. Chissà che magari un giorno ci arriverete anche voi a capire che per sopravvivere dovrete attirare le nuove generazioni. E i giovani italiani di oggi, grazie a Dio, non ci stanno ad assecondare conduttori mediocri e sarcasmo da due soldi. #boycottSanremo

Un post condiviso da IMEN (@imenjane) in data:

La polemica è destinata a crescere, il ruolo dell’azienda è oggi sotto attacco da una scelta editoriale e culturale che appare distante dall’interesse pubblico.

Amadeus, per altro, sembra fare davvero fatica a gestire il tema dell’individualità ed identità: come ha ricordato Selvaggia Lucarelli, il profilo Instagram del conduttore è un “profilo di coppia”, ovvero un profilo utilizzato da lui e dalla sua compagna. Un ulteriore elemento destinato ad alimentare polemica e satira sulle uscite del conduttore. E siamo solo all’inizio.

Leggi anche:

Sanremo 2020 conferenza stampa Diretta LIVE: Amadeus presenta la 70esima edizione del Festival

29k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.