Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Spettacoli

Alessandro Gassman: “Costretto da mio padre a fare l’attore, per entrare in scena usavo i tranquillanti”

Immagine di copertina
Alessandro Gassman

L'attore ha raccontato dettagli inediti sulla sua vita privata e sul suo avvio alla carriera cinematografica

Domenica In Alessandro Gassman ha raccontato il suo esordio come attore e i retroscena nascosti dietro la sua carriera cinematografica.

Gassman ha prima di tutto rivelato di essere stato costretto dal padre, il famoso Vittorio Gassman, a dedicarsi a cinema e teatro, facendo leva sulla sua incapacità di imporsi e di scegliere per sé cosa fare nella vita.

L’attore ha anche raccontato di aver fatto uso di tranquillanti.

“Mio padre mi ha obbligato a fare l’attore ed è stato quasi costretto da sua madre a farlo. Mia nonna era un’insegnante ebrea che lo iscrisse all’Accademia Silvio d’Amico a sua insaputa”.

“Ero un ragazzo schivo e chiuso, che amava stare molto da solo e nella natura. Mi ero anche iscritto ad agraria, poi è capitato questo mestiere e non ci credevo tanto, volevo solo essere indipendente”, ha raccontato Gassman.

I problemi con l’ansia – “Continuo a essere spaventato ancora oggi, non tanto al cinema, ma al teatro perché faccio fatica a entrare in scena”, ha svelato l’attore, parlando dei suoi problemi con l’ansia non ancora del tutto superati.

“Ho trovato la soluzione nel fare la regia. Per un attore che riesce ce ne sono diecimila che fanno la fame”.

Quando racconta come si sente adesso, ad anni di distanza dal primo approccio con la scena, Gassman risponde: “Sereno non credo sia la parola giusta, sono frenetico, iperattivo e stakanovista, ma al contrario di mio padre riesco a staccare e quella è la mia salvezza”.

La famiglia – Il racconto si sposta poi sulla famiglia e sula moglie. “Ci siamo fidanzati nel 1993 e sposati nel 1998. La cosa incredibile è che continua a sopportarmi. Fu una cerimonia molto bella, in Toscana con 18 persone. Mi fa piacere ricordarlo perché c’era anche mio padre, che sarebbe morto due anni dopo. Era un matrimonio riparatore perché lei era incinta”.

Per quanto riguarda la famiglia “allargata” di cui fa parte, Alessandro Gassman ha spiegato di non avere un rapporto molto stretto con gli altri membri: “I miei fratelli? Noi siamo quattro da quattro mogli diverse. Non ci troviamo mai tutti insieme”.

Ti potrebbe interessare
News / Un servizio per chi è solo a Natale: dal 24 al 26 dicembre chiama Telefono Amico
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Ti potrebbe interessare
News / Un servizio per chi è solo a Natale: dal 24 al 26 dicembre chiama Telefono Amico
Esteri / Bernie Madoff e lo schema Ponzi: muore a 82 anni il più grande truffatore della storia americana
News / L’italiana Alessandra Galloni sarà la prima donna a dirigere l’agenzia Reuters in 170 anni di storia
Economia / I giovani lanciano gli Stati Generazionali: “Diamo voce a chi voce non ha”
News / In difesa dello “stupratore razzista Montanelli” (di Luca Telese)
News / Dillo con una poesia: oggi è la Giornata Mondiale della Poesia e questi versi vi faranno bene all’anima
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI
News / Notizie di oggi: l'agenda quotidiana di TPI